Cerca
  • Ale Torrini

15 anni fa... Film: " May 18 "

시작이 반이다 (sijagi banida)...

Festeggerò con te, perché ogni cosa che fai la trasformi in capolavoro...


May 18 ( coreano : 화려한 휴가 ; RR : Hwaryeohan hyuga ; lett. "Splendid Holiday") è un film sudcoreano uscito nel 2007.

Il film è basato sul massacro di Gwangju del 18 maggio 1980. Si è verificato quando il generale Chun Doo-hwan ha cercato di eliminare i ribelli usando la forza militare.

Min-woo ( Kim Sang-kyung ) conduce una vita relativamente pacifica con suo fratello minore Jin-woo ( Lee Joon-gi ), fino al giorno in cui i soldati si scatenano contro i cittadini. I cittadini formano una milizia determinata a proteggere i propri cari, e Min-woo si ritrova in mezzo a tutto questo. Un giorno succede qualcosa di inaspettato all'improvviso. Cittadini innocenti vengono aggrediti e persino uccisi dall'esercito della legge marziale armato di pistole e coltelli. Un gas lacrimogeno entra nel teatro e uno studente universitario salta nel teatro, seguito da un soldato. Quando tutte le persone che hanno visto il film sono uscite fuori, i soldati della legge marziale hanno picchiato gli studenti universitari e picchiato tutti fuori dal cinema. I cittadini di Gwangju, che hanno perso amici, amanti e familiari davanti ai loro occhi in modo ingiusto, iniziano a formare un gruppo civico incentrato su Heung-soo ( Ahn Sung-ki ), ufficiale in pensione diventato ufficiale militare, e iniziare una lotta di 10 giorni. Nel frattempo, Jin-woo è arrabbiato per il fatto che il suo compagno di classe sia stato picchiato a morte dai soldati della legge marziale quando non era uno studente universitario, portando i suoi amici a prendere l'iniziativa nella protesta. Min-woo vuole impedire a suo fratello minore Jin-woo di prendere l'iniziativa nella protesta. Ma Jin-woo non poteva stare fermo, e alla fine, Jin-woo è stato colpito di fronte a Min-woo dai soldati della legge marziale.

Il governatore della provincia di South Jeolla si presenta su un elicottero ai cittadini davanti al governo provinciale per mediare tra di loro. La trasmissione stava per ritirare le truppe della legge marziale fino all'ora del giorno, e le forze civili credono alle parole e applaudono. I cittadini di Gwangju aspettano il momento giusto, ma i soldati non si ritirano al momento promesso. Mentre l'inno nazionale viene suonato dagli altoparlanti dell'edificio del governo provinciale, i cittadini salutano con la mano destra sul petto sinistro, mentre i soldati si siedono e si preparano a sparare in posizione contro i civili, per poi sparare via.

Kim Sang-kyung nel ruolo di Kang Min-woo

Ahn Sung-ki nel ruolo di Park Heung-soo

Lee Yo ha vinto come Park Shin-ae

Lee Joon-gi nel ruolo di Kang Jin-woo

Park Chul-min nel ruolo di In-bong

Park Won-sang come Yong-dae

Song Jae-ho nel ruolo del sacerdote Kim

Na Moon-hee come Naju-daek

Son Byong-ho nel ruolo dell'insegnante Jung

Baek Bong-ki nel ruolo di Won-ki

Jung In-gi come Jin-chul

Hwang Young-hee nel ruolo della moglie di In-bong

Lee Eol nel ruolo del tenente colonnello Bae

Choi Jae-hwan nel ruolo di Byung-jo

Yoo Hyung-kwan nel ruolo del padre di Byung-jo

Im Hyun-sung come Sang-pil

Park Yong-soo nel ruolo del generale Jung

Kwon Tae-won come Generale Choi

Um Hyo-sup nel ruolo del Capitano Kim

Kim Cheol-ki nel ruolo del caporale Yoo


2007 Blue Dragon Film Awards

Nomination – Miglior Film

Nomination – Miglior Regista – Kim Ji-hoon

Nomination – Miglior attore – Kim Sang-kyung

Nomination - Miglior attrice - Lee Yo-won

Nomination – Miglior attore non protagonista – Park Chul-min

Nomination – Miglior Sceneggiatura – Na Hyun

Nomination – Miglior Fotografia – Lee Doo-man

Nomination – Miglior direzione artistica – Park Il-hyun

2007 Korea Movie Star Awards

Miglior film

Miglior regista: Kim Ji-hoon

Miglior attrice non protagonista - Na Moon-hee

Premio per le migliori lacrime - Kim Sang-kyung

Premi cinematografici coreani 2007

Nomination – Miglior attore non protagonista – Park Chul-min

Nomination – Miglior direzione artistica – Park Il-hyun

Nomination – Migliori effetti visivi – Kim Jong-su

Nomination – Miglior suono – Jang Gwang-su

2008 Baeksang Arts Awards

Nomination – Miglior Film

Premi Gran Campana 2008

Nomination – Miglior attore non protagonista – Park Chul-min


La rivolta di Gwangju è stata una rivolta popolare nella città di Gwangju , in Corea del Sud , dal 18 maggio al 27 maggio 1980, che ha contrapposto cittadini armati locali contro soldati e polizia del governo sudcoreano. L'evento è talvolta chiamato 5·18 (18 maggio; coreano : 오일팔 ; Hanja : 五一八; RR : Oilpal ), in riferimento alla data di inizio del movimento. La rivolta è anche conosciuta come la lotta per la democratizzazione di Gwangju ( in coreano : 광주 민주화 항쟁 ; Hanja : 光州民主化抗爭), laMassacro di Gwangju , la rivolta democratica del 18 maggio , o il movimento di democratizzazione di Gwangju del 18 maggio ( coreano : 5·18 광주 민주화 운동 ; Hanja : 五一八光州民主化運動).

La rivolta è iniziata dopo che gli studenti della locale Università di Chonnam che stavano manifestando contro il governo della legge marziale sono stati uccisi, violentati e picchiati dalle truppe governative. Alcuni cittadini di Gwangju presero le armi, fecero irruzione nelle stazioni di polizia e negli arsenali locali, e furono in grado di prendere il controllo di vaste sezioni della città prima che i soldati rientrassero nella città e represse la rivolta. All'epoca, il governo sudcoreano ha riportato stime di circa 170 persone uccise, ma altre stime hanno misurato da 600 a 2.300 persone uccise. Durante Chun Doo-hwandella presidenza non eletta, le autorità hanno definito l'incidente classificandolo come la "rivolta di Gwangju" e hanno affermato che era stato istigato da "simpatizzanti e rivoltosi comunisti", forse agendo a sostegno del governo nordcoreano . La negazione o il sostegno alla rivolta di Gwangju ha agito a lungo come una cartina di tornasole tra i gruppi e le credenze conservatori e di estrema destra e i settori tradizionali e progressisti della popolazione, all'interno della moderna politica coreana . I gruppi di estrema destra hanno cercato di screditare la rivolta. Uno di questi argomenti indica il fatto che avvenne prima che Chun Doo-hwan entrasse ufficialmente in carica, e quindi affermano che non poteva essere stata davvero una semplice protesta studentesca contro di lui ad averla iniziata. Tuttavia, Chun Doo-hwan era diventato il leader de facto della Corea del Sud in quel momento da quando era salito al potere il 12 dicembre 1979, dopo aver condotto con successo un colpo di stato militare contro il precedente governo sudcoreano, anch'esso autoritario. Nel 1997 sono stati istituiti un cimitero nazionale e una giornata di commemorazione (18 maggio), insieme ad atti per "compensare e restituire onore" alle vittime. Indagini successive confermerebbero varie atrocità commesse dall'esercito. Nel 2011, gli archivi del 1980 per la rivolta democratica del 18 maggio contro il regime militare situati nel municipio di Gwangju sono stati iscritti nel registro della Memoria del mondo dell'UNESCO . Una serie di movimenti democratici in Corea del Sud iniziò con l' assassinio del presidente Park Chung-hee il 26 ottobre 1979. La brusca fine dei 18 anni di governo autoritario di Park lasciò un vuoto di potere e portò all'instabilità politica e sociale. Mentre il presidente Choi Kyu-hah , successore alla Presidenza dopo la morte di Park, non aveva alcun controllo dominante sul governo, il maggiore generale dell'esercito sudcoreano Chun Doo-hwan , il capo del Defence Security Command , prese il potere militare attraverso il Colpo di Stato del 12 dicembree ha cercato di intervenire nelle questioni interne. I militari, tuttavia, non potevano rivelare esplicitamente le proprie ambizioni politiche e non avevano alcuna influenza evidente sull'amministrazione civile prima dei disordini civili di massa del maggio 1980. I movimenti di democratizzazione della nazione, che erano stati soppressi durante il mandato di Park, venivano rianimati. Con l'inizio di un nuovo semestre, nel marzo 1980, professori e studenti espulsi per attività a favore della democrazia tornarono nelle loro università e si formarono sindacati studenteschi. Questi sindacati hanno guidato manifestazioni a livello nazionale per le riforme, inclusa la fine della legge marziale (dichiarata dopo l'assassinio di Park), la democratizzazione, i diritti umani, le richieste di salario minimo e la libertà di stampa. Queste attività culminarono nella manifestazione della legge antimarziale alla stazione di Seoul il 15 maggio 1980 alla quale parteciparono circa 100.000 studenti e cittadini. In risposta, Chun Doo-hwan ha adottato diverse misure repressive. Il 17 maggio ha costretto il Gabinetto ad estendere la legge marziale all'intera nazione, che in precedenza non era stata applicata alla provincia di Jeju . La legge marziale estesa ha chiuso le università, vietato le attività politiche e ridotto ulteriormente la stampa. Per far rispettare la legge marziale, le truppe furono inviate in vari parti del paese. Lo stesso giorno, il Defence Security Command ha fatto irruzione in una conferenza nazionale dei leader dei sindacati studenteschi di 55 università, riuniti per discutere le loro prossime mosse sulla scia della manifestazione del 15 maggio. Ventisei politici, tra cui Kim Dae-jung , originario della provincia di Jeolla meridionale, sono stati anche arrestati con l'accusa di istigazione a manifestazioni. Ciò che spesso non viene menzionato è il modo in cui Chun ha minimizzato le proteste interrompendo tutte le comunicazioni da e verso Gwangju e ha usato la propaganda per informare il resto della nazione che i manifestanti a Gwangju erano tutti comunisti. Il conflitto che ne seguì si concentrò nella provincia di Jeolla meridionale, in particolare nell'allora capitale provinciale, Gwangju , per complesse ragioni politiche e geografiche. Questi fattori erano sia profondi che contemporanei:

[La regione di Jeolla, o Honam] è il granaio della Corea. Tuttavia, a causa delle sue abbondanti risorse naturali, l'area di Jeolla è stata storicamente oggetto di sfruttamento da parte di potenze nazionali ed estere. La protesta di opposizione era esistita storicamente in Corea - specialmente nella regione della provincia di Jeolla meridionale - durante la rivoluzione contadina di Donghak , il movimento degli studenti di Gwangju , la ribellione di Yeosu-Suncheon , la resistenza regionale alle invasioni giapponesi della Corea (1592–1598) e, più recentemente, sotto il Terza Repubblica della Corea del Sud e Quarta Repubblica della Corea del Sud , come si evince dagli estratti seguenti:

La dittatura di Park Chung Hee aveva elargito favori economici e politici alla sua nativa provincia di Gyeongsang nel sud-est, a spese della regione di Jeolla nel sud-ovest. Quest'ultima divenne il vero focolaio dell'opposizione politica alla dittatura, che a sua volta portò a maggiori discriminazioni da parte del centro. Infine, nel maggio 1980 la città di Gwangju, nella provincia di Jeolla meridionale, esplose in una rivolta popolare contro il nuovo uomo forte militare, il generale Chun Doo Hwan, che rispose con un bagno di sangue che uccise centinaia di cittadini di Gwangju.

La città di Kwangju è stata oggetto di una repressione particolarmente severa e violenta da parte dei militari dopo che è stata imposta la legge marziale [a livello nazionale]. La negazione della democrazia e il crescente autoritarismo che ha accompagnato l'ascesa al potere di Chun Doo Hwan per sostituire Park hanno provocato proteste a livello nazionale che, a causa dell'eredità storica di dissenso e radicalismo di Cholla [Jeolla], sono state più intense in quella regione.18–21 maggio

L'ex edificio per uffici provinciali di South Jeolla

La mattina del 18 maggio, gli studenti si sono riuniti al cancello della Chonnam National University , a dispetto della sua chiusura. Alle 9:30 erano arrivati ​​circa 200 studenti; furono contrastati da 30 paracadutisti . Intorno alle 10, soldati e studenti si sono scontrati: i soldati hanno caricato gli studenti; gli studenti hanno lanciato pietre. La protesta si è poi spostata nella zona del centro, Geumnamno (la strada che porta all'ufficio provinciale di Jeollanamdo ). Lì il conflitto si allargò, raggiungendo circa 2000 partecipanti nel pomeriggio. Inizialmente, la polizia ha gestito le proteste di Geumnamno; alle 16, invece, il ROK Special Warfare Command(SWC) ha inviato paracadutisti per prendere il controllo. L'arrivo di questi 686 soldati, provenienti dal 33° e 35° battaglione della 7a Brigata Aviotrasportata, segnò una nuova, violenta e ormai famigerata fase di repressione.

Archivio del Movimento 18 maggio

Testimoni affermano che i soldati hanno bastonato sia i manifestanti che gli spettatori. Testimonianze, fotografie e documenti interni attestano l'uso delle baionette. La prima vittima nota è stata un uomo sordo di 29 anni di nome Kim Gyeong-cheol, che è stato bastonato a morte il 18 maggio mentre passava sulla scena. Poiché i cittadini erano infuriati per la violenza, il numero dei manifestanti è aumentato rapidamente e ha superato i 10.000 entro il 20 maggio. Con l'escalation del conflitto, l'esercito ha iniziato a sparare sui cittadini, uccidendo un numero sconosciuto vicino alla stazione di Gwangju il 20 maggio. Lo stesso giorno, i manifestanti arrabbiati hanno bruciato la stazione MBC locale , che aveva riportato erroneamente la situazione che si stava allora verificando a Gwangju (riconoscendo solo un vittima civile, per esempio). Quattro poliziotti sono stati uccisi in una barricata della polizia vicino al palazzo del governo provinciale dopo che un'auto li ha investiti. La notte del 20 maggio, centinaia di taxi hanno condotto una grande sfilata di autobus, camion e automobili verso l'ufficio provinciale per incontrare la protesta. Questi "piloti della democrazia" si sono presentati per sostenere i cittadini e la manifestazione a causa della brutalità delle truppe testimoniata all'inizio della giornata. Quando i conducenti si sono uniti alla manifestazione, le truppe hanno usato gas lacrimogeni su di loro, li hanno tirati fuori dai loro veicoli e li hanno picchiati. Ciò a sua volta ha portato più conducenti a venire sulla scena con rabbia dopo che molti tassisti sono stati aggrediti mentre cercavano di assistere i feriti e mentre portavano le persone in ospedale. Alcuni sono stati uccisi dopo che i conducenti hanno tentato di usare i veicoli come armi o per bloccare i soldati. La violenza è culminata il 21 maggio. Intorno all'una di sera, l'esercito ha sparato contro una folla in protesta radunata davanti all'edificio dell'ufficio provinciale di South Jeolla, provocando vittime. In risposta, alcuni manifestanti hanno fatto irruzione negli arsenali e nelle stazioni di polizia della Reserve Force nelle città vicine e si sono armati con fucili M1 o carabine M1/M2 , e si sono corazzati con ingranaggi come elmetti antisommossa e equipaggiamento di protezione interno (costituito da un bambù (interno) , sacchetto di stoffa e plastica (esterno)) per la polizia antisommossa. la milizia inizia anche a esercitare cautela contro l'intervento nordcoreano come ad esempio alzare il cartello come "Non giudicare male i Norks(북괴는 오판말라)" Più tardi quel pomeriggio, nella piazza dell'Ufficio provinciale, scoppiarono sanguinosi scontri a fuoco tra milizie civili ed esercito. Entro le 17:30, le milizie avevano acquistato due mitragliatrici leggere e le avevano usate contro l'esercito, che iniziò a ritirarsi dal centro della città.

22–25 maggio

Blocco di Gwangju e altre atrocità

A questo punto, tutte le truppe si ritirarono nelle aree periferiche rurali al di fuori della città principale in attesa di rinforzi, comprese le truppe della 3a brigata aviotrasportata, 11a brigata aviotrasportata, 20a divisione di fanteria meccanizzata e 31a divisione di fanteria e Combat Arms Training Command (CATC, coreano : 전투교육사령부 ; Hanja : 戰鬪敎育司令部- attualmente noto come ROK Army Training & Doctrine Command), in particolare le tre unità subordinate del CATC provenivano dal loro quartier generale situato nel complesso militare di Sangmudae - Army Infantry School ( coreano : 육군보병 학교 ; Hanja : 陸軍步兵學校), Scuola di artiglieria dell'esercito ( coreano : 육군포병학교 ;Hanja : 陸軍砲兵學校), Army Armor School ( coreano : 육군기갑학교 ; Hanja : 陸軍機甲學校). L'esercito ha bloccato tutte le rotte e le comunicazioni che portano dentro e fuori la città. Sebbene ci sia stata una pausa nei combattimenti tra le milizie e l'esercito, il 23 maggio si sono verificate più vittime quando i soldati hanno sparato a un autobus che tentava di evadere dalla città a Jiwon-dong, uccidendo 15 dei 18 passeggeri e giustiziando sommariamente due passeggeri feriti. Il giorno seguente, i soldati hanno scambiato i ragazzi che nuotavano nel bacino di Wonje per un tentativo di traversata e hanno aperto il fuoco su di loro, provocando una morte. Più tardi quel giorno, l'esercito ha subito le sue vittime più pesanti quando le truppe dell'11a brigata aviotrasportata 63a battaglione per le operazioni speciali e del battaglione di addestramento della scuola di fanteria dell'esercito CATC si sono sparate erroneamente a vicenda a Songam-dong, provocando la morte di 13 soldati. L'11a Airborn Brigade Troopers ha scatenato la loro rabbia sui residenti di Near Village a Songam-dong e ucciso indiscriminatamente civili disarmati. All'inizio, il Martial Law Command ha interpretato erroneamente il fuoco amico a Songam-dong come opera di ribelli all'interno dell'esercito. Tuttavia, si è trattato solo di un incidente perché le truppe della brigata aviotrasportata (3a, 7a, 11a brigata aviotrasportata) e le truppe dell'esercito ordinario (20a divisione di fanteria meccanizzata, 31a divisione di fanteria, CATC) stavano utilizzando un canale di comunicazione non riconosciuto. Ad esempio, l'11a Brigata Aerea fa rapporto a Choi-woong, comandante dell'11a Brigata Aerea e membro di è successo solo un incidente perché le truppe della brigata aviotrasportata (3a, 7a, 11a brigata aviotrasportata) e le truppe dell'esercito ordinario (20a divisione di fanteria meccanizzata, 31a divisione di fanteria, CATC) stavano utilizzando un canale di comunicazione non riconosciuto. Ad esempio, l'11a Brigata Aerea fa rapporto a Choi-woong, comandante dell'11a Brigata Aerea e membro di è successo solo un incidente perché le truppe della brigata aviotrasportata (3a, 7a, 11a brigata aviotrasportata) e le truppe dell'esercito ordinario (20a divisione di fanteria meccanizzata, 31a divisione di fanteria, CATC) stavano utilizzando un canale di comunicazione non riconosciuto. Ad esempio, l'11a Brigata Aerea fa rapporto a Choi-woong, comandante dell'11a Brigata Aerea e membro diHanahoe e il battaglione di addestramento della scuola di fanteria dell'esercito CATC riferiscono al centro di comando e controllo della 31a divisione di fanteria dopo l'incidente del fuoco amico. Ciò implicherebbe che i tre soldati dell'Airborn Brigade che prendono l'iniziativa in Massacre and Crimes ricevono ordini solo da membri chiave di Hanahoe come Choi-woong, Jeong Ho-yong (Comandante di ROK-SWC) e Chun Doo-hwan.

Comitati di regolamento

Nel frattempo, nella città "liberata" di Gwangju, sono stati formati il ​​Comitato per gli insediamenti dei cittadini e il Comitato per gli insediamenti degli studenti. Il primo era composto da una ventina di predicatori, avvocati e professori. Hanno negoziato con l'esercito, chiedendo il rilascio dei cittadini arrestati, il risarcimento delle vittime e il divieto di ritorsioni in cambio del disarmo delle milizie. Quest'ultimo era formato da studenti universitari e si occupava di funerali, campagne pubbliche, controllo del traffico, ritiro delle armi e assistenza medica. L'ordine in città è stato ben mantenuto, ma i negoziati sono giunti a un punto morto poiché l'esercito ha esortato le milizie a disarmarsi immediatamente. Questo problema ha causato la divisione all'interno dei Comitati di regolamento; alcuni volevano la resa immediata, mentre altri chiedevano una resistenza continua fino a quando le loro richieste non fossero state soddisfatte. Dopo accesi dibattiti, coloro che chiedevano una resistenza continua alla fine hanno preso il controllo.

Proteste in altre regioni

Con la diffusione della notizia della sanguinosa repressione, ulteriori proteste contro il governo sono scoppiate nelle regioni vicine, tra cui Hwasun , Naju , Haenam , Mokpo , Yeongam , Gangjin e Muan . Mentre le proteste si sono concluse pacificamente nella maggior parte delle regioni, ad Haenam ci sono stati scontri a fuoco tra manifestanti armati e truppe. Entro il 24 maggio, la maggior parte di queste proteste si era placata; a Mokpo le proteste sono continuate fino al 28 maggio.

26 maggio

Entro il 26 maggio, l'esercito era pronto per rientrare a Gwangju. I membri del Comitato per l'insediamento dei cittadini hanno cercato senza successo di bloccare l'avanzata dell'esercito sdraiandosi per le strade. Mentre si diffondeva la notizia dell'imminente attacco, le milizie civili si sono radunate nell'Ufficio provinciale, preparandosi per un'ultima resistenza. 27 maggio

Il Martial Law Command decide di eseguire l'Operazione Sangmu-Chungjeong (in coreano : 상무충정작전 ; Hanja : 尙武忠正作戰, Operazione Martialismo e Lealtà). 3a brigata aviotrasportata, 7a brigata aviotrasportata e 11a brigata aviotrasportata truppe armate con M16A1 e granata stordente . e indossava un giubbotto antiproiettile, un elmo mimetico a foglia con banda bianca, l'uniforme da combattimento ordinaria da fanteria dell'esercito della ROK senza insegne e toppe, invece dell'uniforme con motivo mimetico di noodle della ROK-SWC chiamata Chungjeong bok (uniforme fedeltà) dagli anni '70. perché li ha fatti sembrare dei fanti dell'esercito ordinario perché la loro uniforme mimetica è già troppo famosa nell'intera città di Gwangju come conseguenza di quello che hanno fatto. Alle 4:00, le truppe travestite di tre Brigate Aeree erano nell'Avanguardia dell'operazione. La 20a divisione di fanteria meccanizzata e la 31a divisione di fanteria si uniscono all'operazione come riserva. e infine, le truppe delle tre unità subordinate del Combat Arms Training Command (scuola di fanteria dell'esercito, scuola di artiglieria dell'esercito, scuola di armature dell'esercito) mantengono il loro ruolo di blocco di Gwangju durante l'operazione. Le truppe della Airborn Brigade si sono spostate nell'area del centro e hanno sconfitto le milizie civili entro 90 minuti.

Ruolo della polizia

L' Agenzia Nazionale di Polizia , allora denominata Quartier Generale della Sicurezza Nazionale, si occupò inizialmente del controllo delle proteste, ma fu presto assistita dai paracadutisti della 7a Brigata Aviotrasportata , prima di ricevere l'ordine di evacuare e consentire all'esercito di assumere pienamente le funzioni di controllo dei disordini. La polizia ha subito alcune delle prime vittime della rivolta, quando quattro poliziotti sono rimasti uccisi durante un attacco con un'auto. Il commissario generale della polizia provinciale di Jeonnam, Ahn Byung-ha, ha rifiutato di ordinare ai poliziotti di aprire il fuoco sui civili, come indicato da Chun Doo-hwan, portando alla sua eventuale sostituzione come capo della polizia e alla successiva tortura da parte del Corpo di controspionaggio dell'esercito , che a sua volta ha portato alla sua morte 8 anni dopo. In quanto tale, la polizia ha svolto un ruolo scarso nella repressione violenta della rivolta e diversi poliziotti sono stati essi stessi presi di mira dall'esercito e dal governo per aver espresso simpatia ai manifestanti.

Non esiste un bilancio delle vittime universalmente accettato per la rivolta di Gwangju del 1980. I dati ufficiali rilasciati dal comando di legge marziale del governo poco dopo l'evento hanno riportato il bilancio delle vittime a 144 civili, 22 soldati e quattro poliziotti uccisi, con 127 civili, 109 soldati e 144 poliziotti feriti. Gli individui che hanno tentato di contestare queste cifre sono stati passibili di arresto per "diffusione di false voci". Tuttavia, i record di morte di Gwangju nel maggio 1980 erano almeno 2.300 al di sopra della media mensile. Secondo la Bereaved Family Association del 18 maggio, almeno 165 persone sono morte tra il 18 e il 27 maggio. Altre 76 sono ancora disperse e si presume siano morte. Ventidue soldati e quattro poliziotti sono stati uccisi durante la rivolta, inclusi 13 soldati uccisi nell'incidente del fuoco amico tra le truppe a Songam-dong. È probabile che le cifre delle vittime della polizia siano più elevate, a causa delle segnalazioni di diversi poliziotti uccisi dai soldati per aver rilasciato i manifestanti catturati. Le stime per i civili feriti variano notevolmente, con alcuni che misurano da 1.800 a 3.500 feriti. Le cifre ufficiali sono state criticate da alcuni come troppo basse. Sulla base dei rapporti di fonti della stampa straniera e dei critici dell'amministrazione Chun Doo-hwan, è stato affermato che il bilancio delle vittime effettivo era compreso tra 1.000 e 2.000.

Il governo ha denunciato la rivolta come una ribellione istigata da Kim Dae-jung e dai suoi seguaci. Nei processi successivi, Kim è stato condannato a morte, anche se la sua punizione è stata successivamente ridotta in risposta alle proteste internazionali. Complessivamente, 1.394 persone sono state arrestate per il coinvolgimento nell'incidente di Gwangju e 427 sono state incriminate. Tra questi, 7 hanno ricevuto condanne a morte e 12 sono stati condannati all'ergastolo. Si stima che fino a 200.000 persone possano aver partecipato alla rivolta, in varie fasi, affrontando circa 3.000 paracadutisti e 18.000 poliziotti. 137 vittime sono state trasportate su carretti a mano e camion della spazzatura per essere seppellite nel cimitero di Old Mangweol-dong, situato alla periferia di Gwangju. Un nuovo cimitero di Mangweol-dong è stato creato dallo stato per educare e commemorare la storia di Gwangju. La rivolta di Gwangju ha avuto un profondo impatto sulla politica e sulla storia della Corea del Sud. Chun Doo-hwan aveva già problemi di popolarità a causa della sua presa del potere attraverso un colpo di stato militare, ma autorizzare l'invio di paracadutisti delle forze speciali contro i cittadini ha danneggiato ulteriormente la sua legittimità. Il movimento ha preceduto altri movimenti democratici negli anni '80 che hanno spinto il regime a riforme democratiche, aprendo la strada all'elezione del candidato dell'opposizione Kim Dae-jung nel 1997. La rivolta di Gwangju è diventata un simbolo della lotta dei sudcoreani contro i regimi autoritari e per democrazia.

A partire dal 2000, la Fondazione Memoriale del 18 maggio ha offerto un premio annuale Gwangju per i diritti umani a un noto difensore dei diritti umani in memoria della rivolta.

Il 25 maggio 2011, i documenti della Rivolta di Gwangju sono stati elencati come "Memoria del mondo dell'UNESCO". (Il nome ufficiale di registrazione di questi documenti è 'Human Rights Documentary Heritage 1980 Archives for the May 18th Democratic Uprising against Military Regime, in Gwangju, Republic of Korea.') È poi diventato chiaro che c'era un urgente bisogno di sistematicamente raccogliere e conservare questi documenti. Il governo della città metropolitana di Gwangju ha quindi deciso di istituire gli archivi del 18 maggio legiferando un'ordinanza nota come "Atto di gestione sugli archivi del movimento di democratizzazione di Gwangju del 18 maggio". Da allora, il governo della città metropolitana di Gwangju ha deciso di rimodellare l'ex edificio del centro cattolico di Gwangju per la conservazione dei documenti. La costruzione di questa struttura è iniziata nel 2014 ed è stata completata nel 2015.

Gli anni '80 hanno segnato un'impennata dell'antiamericanismo in Corea , ampiamente ricondotta agli eventi del maggio 1980 a causa del sostegno degli Stati Uniti al governo di Chun. Secondo Bruce Cumings :

Gwangju ha convinto una nuova generazione di giovani [coreani] che il movimento democratico si era sviluppato non con il sostegno di Washington, come pensava una vecchia generazione di coreani più conservatori, ma di fronte al sostegno quotidiano americano a qualsiasi dittatore che potesse reprimere le aspirazioni democratiche del popolo coreano. Il risultato fu un movimento antiamericano negli anni '80 che minacciò di far crollare l'intera struttura del sostegno americano alla ROK. I centri culturali americani furono rasi al suolo (più di una volta a Gwangju); gli studenti si sono immolati per protestare contro il sostegno di Reagan a Chun. [47]

Fondamentale per questo movimento era la percezione della complicità degli Stati Uniti nell'ascesa al potere di Chun e, più in particolare, nella stessa rivolta di Gwangju. Queste questioni rimangono controverse. È chiaro, ad esempio, che gli Stati Uniti hanno autorizzato la 20a divisione dell'esercito della ROK a riprendere Gwangju, come riconosciuto in una lettera del 1982 al New York Times dall'allora ambasciatore William H. Gleysteen.

[Il generale John A. Wickham ], con il mio assenso, permise il trasferimento di truppe ben addestrate della ventesima divisione ROKA dal servizio di legge marziale a Seoul a Gwangju perché la legge e l'ordine dovevano essere ripristinati in una situazione che era andata impazzita in seguito al comportamento oltraggioso delle forze speciali coreane, che non erano mai state sotto il comando del generale Wickham. Tuttavia, come notano gli editori della Rivolta di Gwangju Scott-Stokes e Lee, è discutibile se l'espulsione delle truppe governative abbia lasciato la situazione illegale o "folle". Ma le domande più gravi riguardano l'uso iniziale e scatenante delle forze speciali sudcoreane. Gli Stati Uniti hanno sempre negato la preconoscenza del loro dispiegamento, in modo definitivo in un white paper del 19 giugno 1989; quel rapporto minimizza inoltre le caratterizzazioni di Gleysteen e di altri delle azioni statunitensi.

... L'ambasciatore Gleysteen ha affermato che gli Stati Uniti "approvano" il movimento della 20a divisione e un portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti il ​​23 maggio 1980 ha affermato che gli Stati Uniti avevano "accettato" di rilasciare dall'OPCON [controllo operativo] truppe inviate a Gwangju. Indipendentemente dalla terminologia, in base ai diritti della sovranità nazionale, la ROKG aveva l'autorità di schierare la 20a divisione come riteneva opportuno, una volta che avesse avuto l'OPCON, indipendentemente dalle opinioni del governo degli Stati Uniti. Nel cimitero di Mangwol-dong a Gwangju, dove sono stati seppelliti i corpi delle vittime, i sopravvissuti del movimento di democratizzazione e le famiglie in lutto hanno tenuto un servizio funebre annuale il 18 maggio di ogni anno dal 1980 chiamato May Movement ( O-wol Undong ). Molte manifestazioni pro-democrazia negli anni '80 chiedevano il riconoscimento ufficiale della verità della rivolta e la punizione dei responsabili. La rivalutazione ufficiale è iniziata dopo il ripristino delle elezioni presidenziali dirette nel 1987. Nel 1988, l' Assemblea nazionale ha tenuto un'audizione pubblica sulla rivolta di Gwangju e ha ufficialmente ribattezzato l'incidente la rivolta di Gwangju. Sebbene la ridenominazione ufficiale sia avvenuta nel 1987, può anche essere trovata tradotta in inglese come "Rivolta popolare di Gwangju".

Procedimenti

Nel 1995, con l'aumento della pressione dell'opinione pubblica, l'Assemblea nazionale ha approvato la legge speciale sul movimento di democratizzazione del 18 maggio, che ha consentito il perseguimento dei responsabili del colpo di stato del 12 dicembre e della rivolta di Gwangju sebbene il termine di prescrizione fosse scaduto.

Nel 1996, otto politici tra cui Chun Doo-hwan e Roh Tae-woo furono incriminati per alto tradimento e massacro. Le loro punizioni sono state stabilite nel 1997, inclusa una condanna a morte, che è stata cambiata in ergastolo, per Chun Doo-hwan. Anche l'ex presidente Roh Tae-Woo, successore di Chun e compagno di partecipazione al colpo di stato del 12 dicembre, è stato condannato all'ergastolo. Tuttavia, tutti i detenuti sono stati graziati in nome della riconciliazione nazionale il 22 dicembre 1997 dal presidente Kim Young-sam , sulla base del consiglio del presidente eletto Kim Dae-jung .

Sviluppi dal 1997 al 2013

Nel 1997, il 18 maggio è stato dichiarato giorno della memoria ufficiale. Nel 2002 è entrata in vigore una legge che privilegia le famiglie in lutto e il cimitero di Mangwol-dong è stato elevato allo status di cimitero nazionale.

Il 18 maggio 2013, il presidente Park Geun-hye ha partecipato al 33° anniversario della rivolta di Gwangju e ha dichiarato: "Sento il dolore dei familiari e della città di Gwangju ogni volta che visito il cimitero nazionale del 18 maggio", e che "io credo che il raggiungimento di una democrazia più matura sia un modo per ripagare il sacrificio pagato da coloro [uccisi nel massacro]".

Indagine del 2017

Dopo l'impeachment e la rimozione dall'incarico di Park Geun-hye, il neoeletto presidente sudcoreano Moon Jae-in ha promesso di riaprire le indagini sul ruolo del governo sudcoreano nella repressione della rivolta nel maggio 2017.

Nel febbraio 2018, è stato rivelato per la prima volta che l'esercito aveva utilizzato gli elicotteri McDonnell Douglas MD 500 Defender e Bell UH-1 Iroquois per sparare sui civili. Il ministro della Difesa Song Young-moo si è scusato.

Il 7 novembre 2018, il ministro della Difesa Jeong Kyeong-doo ha chiesto altre scuse per il ruolo svolto dall'esercito sudcoreano nel reprimere la rivolta e ha riconosciuto che anche i soldati avevano commesso atti di violenza sessuale durante la repressione.

Nel maggio 2019, Kim Yong-jang, un ex ufficiale dell'intelligence presso la 501a Brigata dell'intelligence militare dell'esercito degli Stati Uniti, ha testimoniato che Chun Doo-hwan ha ordinato personalmente alle truppe di sparare ai manifestanti sulla base dell'intelligence che aveva visto in quel momento. Secondo Kim, Chun venne segretamente a Gwangju il 21 maggio 1980, in elicottero, per incontrare quattro capi militari tra cui Chung Ho-yong, allora comandante delle operazioni speciali, e Lee Jae-woo, allora colonnello dell'unità di sicurezza Gwangju 505 . Kim ha anche detto che c'erano soldati sotto copertura tra i cittadini di Gwangju che agivano come agenti provocatori per screditare il movimento. I soldati erano "tra i 20 ei 30 anni con i capelli corti, alcuni indossavano parrucche" e "i loro volti erano ustionati e alcuni indossavano abiti logori".

Commissione per la verità 2020

Nel maggio 2020, 40 anni dopo la rivolta, è stata lanciata la Commissione per la verità del Movimento per la democratizzazione del 18 maggio indipendente per indagare sulla repressione e sull'uso della forza militare. Secondo la legislazione approvata nel 2018, funzionerebbe per due anni, con una proroga di un anno consentita se necessario. In un'intervista rilasciata in occasione del 40° anniversario, il presidente Moon ha annunciato il suo sostegno all'iscrizione del valore storico e del significato del Movimento di democratizzazione del 18 maggio in una nuova costituzione della Corea del Sud in seguito alla schiacciante vittoria dei liberali alle elezioni dell'Assemblea nazionale del 2020 .

Atto speciale del 18 maggio

Successivamente, con la nuova maggioranza di tre quinti all'Assemblea nazionale, il Partito Democratico ha attuato una serie di riforme e nel dicembre 2020 è stato approvato dall'Assemblea nazionale, comprese le revisioni della legge speciale 18 maggio, penalizzando coloro che sono coinvolti in false affermazioni fattuali in merito la rivolta di Gwangju del 1980.

Rivelazioni della prescienza statunitense

Documenti declassificati del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel luglio 2021, richiesti dal governo sudcoreano, hanno rivelato che l'ambasciatore statunitense William H. Gleysteen è stato informato dal segretario presidenziale capo Choi Kwang-soo dei piani per una repressione dell'esercito il 26 maggio 1980, un giorno prima che avvenisse. I cablogrammi diplomatici mostravano che Gleysteen esprimeva le preoccupazioni di Washington per il crescente sentimento anti-americano dentro e intorno all'area di Gwangju, tra "trasmissioni" che affermavano che gli Stati Uniti erano coinvolti nella repressione militare. Prima della declassificazione, la nozione di prescienza americana e coinvolgimento nel massacro di Gwangju era già nota subito dopo l'evento, ma era stata ufficialmente smentita dagli Stati Uniti.


Letteratura

Human Acts (romanzo) di Han Kang , tradotto da Deborah Smith , Portobello Books, (6 gennaio 2016). ISBN 978-1-8462-7596-8

The Old Garden (romanzo) di Hwang Sok-yong , tradotto da Jay Oh, Seven Stories Press (1 giugno 2009 ). ISBN 978-1-5832-2836-4

I'll Be Right There (romanzo) di Shin Kyung-sook , tradotto da Sora Kim-Russell , Other Press (3 giugno 2014). ISBN 978-1-1019-0672-9

There a Petal Silently Falls: Three Stories di Ch'oe Yun , tradotto da Bruce Fulton e Ju-Chan Fulton, Columbia University Press (31 maggio 2008). ISBN 0-231-14296-X [65]

Il seme della gioia (romanzo) di William Amos ISBN 978-1-5176-2456-9

Dance Dance Revolution (poesia) di Cathy Park Hong , WW Norton Company (17 maggio 2007). ISBN 978-0-3930-6484-1

Composizioni

"518-062" di D-Town (produzione di Suga )

"Ma City" dei BTS

"Exemplum in memoriam Kwangju" per grande orchestra di Isang Yun

Televisione

Clessidra (1995)

5a Repubblica (2005)

Risposta 1988 (2015-2016)

Giovani di maggio (2021)

Snowdrop (serie TV sudcoreana) (2022)

Film

1987: Quando arriva il giorno

26 anni (film)

Il procuratore

Corsia Forcella

18 maggio (film)

Caramelle alla menta piperita

A Petal (film del 1996) (adattato dal racconto "There a Petal Silently Falls" di Choe Yun)

Poesia sinfonica per l'amato (archivio video della RPDC su YouTube)

Soleggiato (film del 2011)

Un tassista (film del 2017) [66]

L'uomo in piedi accanto

Sicurezza nazionale 1985 (film del 2012)

Video musicali

"È colpa mia" (versione drammatica) di SPEED feat. Kang Min-kyung di Davichi

"È finita" (versione drammatica) di SPEED feat. Parco Bo-giovane

"Maggio" di Wings of the ISANG


Fonte: www.Wikipedia.com

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti