top of page
Cerca
  • Ale Torrini

Bodleian Library Oxford

Finché ci saranno biblioteche, e io avrò gli occhi e un sia pur piccolo avanzo di tempo nella mia giornata, non potrò mai essere infelice... Giorgio Agosti


La Biblioteca Bodleiana (in inglese Bodleian Library) dell'Università di Oxford è una delle più antiche biblioteche pubbliche del mondo moderno - dopo la Malatestiana di Cesena, aperta al pubblico nel 1454, la Vaticana di Roma, aperta al pubblico nel 1475 e quella dei Girolamini di Napoli, aperta al pubblico nel 1586; la sua fondazione risale al 1602 (sette anni prima della Biblioteca Ambrosiana).

In Inghilterra, la Bodleiana è seconda per dimensioni solo alla British Library.

Presso gli studiosi è nota semplicemente come "Bod" (in inglese "Bodley" o, abbreviata "the Bod"). La Bodleian Library è una cosiddetta copyright library: significa che conserva almeno una copia di qualsiasi pubblicazione stampata in Inghilterra svolgendo la funzione che in Italia viene denominata deposito legale.

Storia

Se la biblioteca, nella sua forma attuale, risale al 1602, già dal XIV secolo si conosce l'esistenza a Oxford di una biblioteca fondata da Thomas Cobham, vescovo di Worcester, ampliata poi negli anni tra il 1435 e il 1437 da donazioni di manoscritti ad opera di Humphrey di Lancaster, duca di Gloucester (fratello di Enrico V d'Inghilterra), e un nuovo edificio la ospitò nel 1489 (l'edificio esiste tuttora ed è noto come Duke Humfrey's Library). Nel XVI secolo, però, la biblioteca cominciò a decadere e il patrimonio librario si disperse. Fu solo nel 1598 che Sir Thomas Bodley prese l'iniziativa di rifondare a proprie spese la biblioteca universitaria, la cui inaugurazione avvenne l'8 novembre 1602. L'immensa universalità di libri della biblioteca venne donata dal conte di Essex a Tommaso Bodley. Il patrimonio di libri così donato, apparteneva al vescovo di Faro, Girolamo Osorio, depredato di tale valore dallo stesso conte di Essex al suo rientro dopo la sconfitta della Grande Armada.

Tesori della biblioteca

Collezioni di manoscritti

  • L'Ashmole Manuscripts (che include l'Ashmole Bestiary), collezionati da Elias Ashmole;

  • La Carte Manuscripts, collezionati da Thomas Carte (1686–1754);

  • I Douce Manuscripts, donati alla biblioteca da Francis Douce nel 1834;

  • I Laud Manuscripts, donati alla biblioteca dall'arcivescovo William Laud tra il 1635 e il 1640;

  • Le lettere del poeta Percy Bysshe Shelley.

Manoscritti singoli

  • Il Codex Bodley;

  • Il Codex Ebnerianus;

  • Il Codex Laudianus;

  • Il Codex Laud;

  • Il Codex Mendoza;

  • Il Codex Tischendorfianus III;

  • Il Codex Tischendorfianus IV;

  • L'Huntington MS 17, il più antico manoscritto con il testo completo dei Quattro Vangeli in bohairico;

  • La Magna Carta (quattro copie);

  • La Chanson de Roland;

  • Il Vernon Manuscript (Oxford, Bodleian Library, MS Eng. poet.a.1), il più lungo e importante manoscritto esistente scritto in Middle English.

Libri a stampa singoli

  • Una Bibbia di Gutenberg, del 1455 circa, una delle sole 21 copie complete esistenti;

  • Un First Folio di Shakespeare, del 1623;

  • Bay Psalm Book, del 1640. Uno delle 11 copie note esistenti del primo libro pubblicato in Nord America e l'unica copia conservata al di fuori degli Stati Uniti.

Disponibilità di contenuti digitalizzati

Nel 2009 la biblioteca Bodleiana ha raggiunto un accordo con Google per la digitalizzazione di un grande numero di opere.


Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Biblioteca_Bodleiana



Le biblioteche di Oxford sono tra le più celebri al mondo, non solo per le loro incomparabili collezioni di libri e manoscritti, ma anche per i loro edifici, alcuni dei quali sono rimasti in uso continuo fin dal Medioevo.

Le biblioteche del gruppo Bodleian Libraries includono le principali biblioteche di ricerca; biblioteche annesse a facoltà, dipartimenti e altre istituzioni dell'Ateneo; e, naturalmente, la principale biblioteca universitaria – la Bodleian Library – che è stata una biblioteca di deposito legale per 400 anni.

La Bodleian Library è una delle biblioteche più antiche d'Europa e in Gran Bretagna è seconda per dimensioni solo alla British Library.

Insieme, le biblioteche Bodleian contengono oltre 13 milioni di articoli stampati.

Aperto per la prima volta agli studiosi nel 1602, incorpora una precedente biblioteca costruita dall'Università nel XV secolo per ospitare libri donati da Humfrey, duca di Gloucester. Dal 1602 si è espansa, dapprima lentamente ma con slancio crescente negli ultimi 150 anni, per tenere il passo con l'accumulo sempre crescente di libri, carte e altri materiali, ma il nucleo dei vecchi edifici è rimasto intatto. Conosciuti da molti studiosi di Oxford semplicemente come "the Bod", questi edifici sono ancora utilizzati da studenti e studiosi di tutto il mondo e attirano un numero sempre crescente di visitatori.

Storia antica La prima biblioteca appositamente costruita dell'Università fu iniziata intorno al 1320 nella Chiesa dell'Università di Santa Maria Vergine , in una stanza che esiste ancora come sagrestia e sala riunioni per la chiesa. L'edificio si trovava nel cuore del "quartiere accademico" di Oxford, vicino alle scuole in cui si tenevano le lezioni. Nel 1488, la stanza fu sostituita dalla biblioteca nota come Duke Humfrey's, che costituisce la parte più antica della Bodleian. Humfrey, duca di Gloucester e fratello minore del re Enrico V, ha donato all'Università la sua inestimabile collezione di oltre 281 manoscritti, inclusi diversi importanti testi classici. L'Università ha deciso di costruire per loro una nuova biblioteca sopra la nuova Divinity School; fu iniziata nel 1478 e finalmente aperta nel 1488. La biblioteca dura solo 60 anni; nel 1550, il decano della Christ Church, sperando di eliminare dalla chiesa inglese ogni traccia di cattolicesimo, inclusi "libri e immagini superstiziosi", rimosse tutti i libri della biblioteca, alcuni per essere bruciati. L'Università non era un'istituzione ricca e non aveva le risorse per costruire nuove collezioni. Nel 1556 la sala fu rilevata dalla Facoltà di Medicina. Tommaso Bodley La biblioteca fu salvata da Sir Thomas Bodley (1545–1613), membro del Merton College e diplomatico alla corte della regina Elisabetta I. Sposò una ricca vedova (il cui marito aveva fatto fortuna commerciando in sardine) e, in pensione, decise di « sistemare il mio staff alla porta della biblioteca di Oxon; essendo assolutamente persuaso che nella mia solitudine, e lontano dagli affari del Commonwealth, non potevo occuparmi di uno scopo migliore, se non ridurre quel luogo (che allora era in ogni parte rovinato e desolato) all'uso pubblico degli studenti. Nel 1598, la vecchia biblioteca fu ristrutturata per ospitare una nuova collezione di circa 2.500 libri, alcuni dei quali donati dallo stesso Bodley. Fu nominato un bibliotecario, Thomas James, e la biblioteca fu finalmente aperta l'8 novembre 1602. Il lavoro di Bodley non si è fermato qui. Nel 1610 stipulò un accordo con la Stationers' Company di Londra in base al quale una copia di ogni libro pubblicato in Inghilterra e registrata presso la Stationers' Hall sarebbe stata depositata nella nuova biblioteca. Questo accordo indicava il futuro della biblioteca come biblioteca di deposito legale e anche come collezione in continua espansione che necessitava di spazio. Nel 1610–12 Bodley progettò e finanziò il primo ampliamento dell'edificio medievale, noto come Arts End. Bodley morì nel 1613, poco dopo l'inizio dei lavori per il quadrilatero delle scuole progettato. Questi edifici sono stati progettati per ospitare aule ed aule d'esame ("scuole" nel gergo di Oxford) per sostituire quelle che Bodley chiamavano "quelle piccole stanze in rovina" sul sito, in cui erano state insegnate generazioni di studenti universitari. Nel suo testamento Bodley lasciò i soldi per aggiungere un terzo piano progettato per servire come "un supplemento molto grande per lo stivaggio dei libri", che divenne anche un museo pubblico e una pinacoteca, il primo in Inghilterra. Il quadrilatero fu strutturalmente completato nel 1619, anche se i lavori continuarono almeno fino al 1624. L'ultima aggiunta agli edifici di Bodley avvenne nel 1634–7, quando fu costruita un'altra estensione della Biblioteca del duca Humfrey; è ancora noto come Selden End, dal nome dell'avvocato John Selden (1584–1654) che fece dono di 8.000 libri. La biblioteca poteva ora ricevere e ospitare numerosi doni di libri e, soprattutto, manoscritti. Sono state queste collezioni ad attrarre studiosi da tutta Europa e la biblioteca apre ancora le sue porte a studiosi di tutto il mondo. Un'altra tradizione, ancora gelosamente custodita, è che nessun libro doveva essere prestato ai lettori; persino al re Carlo I fu negato il permesso di prendere in prestito un libro nel 1645. Ma senza riscaldamento fino al 1845 e senza illuminazione artificiale fino al 1929, il numero di utenti non dovrebbe essere sopravvalutato; nel 1831 c'era una media di soli 3-4 lettori al giorno e la Biblioteca era aperta solo dalle 10:00 alle 15:00 in inverno e dalle 9:00 alle 16:00 in estate.

XVIII-XIX sec La crescita della collezione rallentò all'inizio del XVIII secolo, ma la fine del XVII e l'inizio del XVIII secolo videro un'ondata di costruzione di biblioteche a Oxford.

La migliore di tutte le nuove biblioteche fu il frutto dell'ingegno di John Radcliffe (1650–1714).

Lasciò ai suoi fiduciari una grossa somma di denaro con cui acquistare sia il terreno per il nuovo edificio sia una dotazione per pagare un bibliotecario e acquistare libri. Il monumentale edificio a cupola circolare – l'opera architettonica classica più imponente di Oxford – fu costruito tra il 1737 e il 1748 su progetto di James Gibbs, e fu finalmente aperto nel 1749. Per molti anni la Biblioteca, come fu chiamata fino al 1860 , fu completamente indipendente dalla Bodleiana. Nel frattempo le collezioni di Bodleian avevano ricominciato a crescere; accordi più efficaci con la Stationers' Company, acquisti e regali fecero sì che, nel 1849, si stimasse che nella collezione della biblioteca vi fossero 220.000 libri e circa 21.000 manoscritti. Il Bodleian ospitava anche immagini, sculture, monete e medaglie e "curiosità" (tra cui un coccodrillo impagliato della Giamaica). Nel 1788 le stanze del primo piano furono adibite ad uso bibliotecario e nel 1859 l'intero Quadrilatero delle Scuole era in mano alla biblioteca. Ciò lasciò più spazio per conservare i libri, che fu ulteriormente aumentato nel 1860, quando la Biblioteca Radcliffe fu rilevata dalla Bodleian e ribattezzata Radcliffe Camera (la parola camera significa stanza in latino).

XX secolo e la Nuova Biblioteca

All'inizio del XX secolo, una media di un migliaio di persone al giorno utilizzava la biblioteca; il numero di libri aveva raggiunto il milione nel 1914. Per fornire ulteriore spazio di archiviazione, nel 1909-12 fu scavata una libreria sotterranea sotto Radcliffe Square; all'epoca era il più grande negozio di questo tipo al mondo. Ma con l'aumento sia dei lettori che dei libri, la pressione sullo spazio è diventata ancora una volta critica. Nel 1931 fu presa la decisione di costruire una nuova biblioteca, con spazio per 5 milioni di libri, dipartimenti bibliotecari e vendita di lettura, su un sito occupato da una fila di vecchie case in legno sul lato nord di Broad Street. Il New Bodleian, come era noto allora, fu progettato da Sir Giles Gilbert Scott e risalì nel 1937-1940. Nel 1975 fu acquisito un nuovo spazio per uffici nel Clarendon Building, costruito per la University Press nel 1712-1713, che occupava il sito cruciale tra la vecchia e la nuova biblioteca. Così tutta l'area compresa tra la Radcliffe Camera e la New Library – il nucleo storico dell'Università – è passata nelle mani della Bodleian. Più recentemente, l'edificio New Bodleian è stato completamente rinnovato e riaperto con ampi spazi pubblici e nuovi spazi accademici come la Weston Library nel 2015.


Fonte:https://visit-bodleian-ox-ac-uk.translate.goog/plan-your-visit/history-bodleian?_x_tr_sl=en&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it&_x_tr_pto=sc



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page