Cerca
  • Ale Torrini

Dieci grandi registi del cinema coreano del sud...


I registi sudcoreani hanno una reputazione internazionale nella produzione di alcuni dei film più inquietanti e visivamente sorprendenti del cinema moderno. Il paesaggio, la cultura e le tradizioni della Corea del Sud hanno dimostrato terreno fertile per i seguenti registi influenti.

Lee Chang-dong

Originariamente un romanziere, Lee Chang-dong ha unito le sue esplorazioni uniche e l'artigianato letterario, trasferendole all'industria cinematografica. Ora sceneggiatore e regista, ha fatto il suo debutto alla regia nel 1997 con Green Fish, in cui si è impegnato in modo critico con la società coreana. Il suo film più recente, Poetry (2010), ha vinto il premio come migliore sceneggiatura al Festival di Cannes. Il film approfondisce le capacità transitorie della poesia come forma d'arte e ne interroga la durata e il posto nella società moderna. Lee Chang-dong disegna parallelismi tra poesia e film, ponendo la domanda: "Che cosa significa fare film a volte quando i film stanno morendo?" Fu nominato Ministro della Cultura e del Turismo prima di fondare la sua società di produzione Pinehouse Film. Accanto a questo, attualmente insegna regia e sceneggiatura presso la Korean National University of Arts.

Bong Joon-Ho

Il soprannome di Bong Joon-Ho "Bong Tae-il", che si traduce come "dettaglio", mette in evidenza il suo approccio attento alla creazione di film. Visivamente indimenticabile, la qualità di questi film è considerata e impressionante come il contenuto oscuro e spesso inquietante. Bong Joon-Ho affronta i generi cinematografici e mette in discussione le loro definizioni sperimentando i loro parametri costruiti. Ciò si traduce in un'esperienza cinematografica imprevedibile, che attira inaspettatamente diverse emozioni. Bong Joon-Ho è ben noto per The Host (2006), che ruota intorno a un mostro mortale in agguato nel fiume Han di Seoul.

So Yong Kim

Nata in Corea del Sud, So Yong Kim si è trasferita a Los Angeles, in California, a 11 anni. È una cineasta indipendente pluripremiata i cui tre lungometraggi - In Between Days, Treeless Mountain e For Ellen - hanno ottenuto il plauso della critica, ha ricevuto il premio speciale della giuria al Sundance Film Festival. I suoi film documentano realtà aspre e crude che riguardano l'isolamento, l'amore mal diretto, l'abuso e l'abbandono. Quindi Yong Kim usa le sue esperienze di vita per informare le direzioni tematiche dei suoi film. In Between Days, ad esempio, si basa sulle sue esperienze di adolescente immigrato e sulle frustrazioni nate dalla sua paura di esprimersi.

Kim Jee-woon

Kim Jee-woon è un regista e sceneggiatore che ha ottenuto successi commerciali grazie alla stilizzazione visiva dei suoi film e alla sua sperimentazione nel genere. È estremamente meticoloso riguardo a specifici elementi filmici, assicurando che i suoi film siano confezionati con lunghi materiali documentari e commenti. A Tale of Two Sisters (2003) è basato su un racconto popolare coreano originale ed è diventato un successo quando ha vinto il film più popolare al Fantasia International Film Festival. Un film horror, si concentra sul funzionamento psichiatrico di due sorelle.

Im Sang-soo

Il regista e sceneggiatore Im Sang-soo ha una vasta gamma di film che hanno suscitato polemiche. I suoi film spesso ritraggono contenuti sessuali estesi e dialoghi con un sottofondo satirico sottostante, causando reazioni polarizzate da parte della critica e del pubblico. Il suo stile provocatorio e le interpretazioni unicamente oscure gli hanno fatto guadagnare un seguito di culto. La commedia nera di Im Sang-soo The President's Last Bang (2005) ha suscitato scalpore a causa della rappresentazione dell'omicidio fittizio del presidente coreano Park Chung-hee. La famiglia dell'ex presidente fu così indignata che intentò una causa contro Im Sang-soo, con il risultato che alcuni paesi rilasciarono invece la versione censurata. Tra gli altri suoi film ricordiamo A Good Lawyer's Wife (2003).

Kim Ki-duk

I film di Kim Ki-duk, rivolti a un pubblico di nicchia, si orientano verso ritratti oscuri e aggressivi della vita e spesso perseguono temi violenti e sessisti. Questo argomento è in gran parte amplificato dai suoi personaggi, che sono intenzionalmente silenziosi, a malapena parlando durante i film. Questa mancanza di informazioni verbali consente agli occhi di elaborare dettagli visivi, una tecnica che migliora l'impatto emotivo del film. Kim Ki-duk ha subito critiche per la sua inclusione della crudeltà sugli animali nei suoi film. "Ho fatto molta crudeltà sugli animali nei miei film", ha ammesso. "E avrò la coscienza sporca per il resto della mia vita". Ha vinto premi festival a Berlino (2004), Venezia (2004/12) e Cannes (2011).

Im Kwon-taek

Im Kwon-taek è uno dei registi più stimati della Corea del Sud, con una carriera che dura da cinque decenni. Il suo contributo al cinema coreano è stato fondamentale, dato che ha influenzato una generazione più giovane di registi coreani che stanno emergendo oggi. Il BFI e l'ICA di Londra hanno mostrato retrospettive del suo lavoro. Im Kwon-taek pone la Corea come protagonista in molti dei suoi film poiché gli permette di impegnarsi con l'identità della Corea, passato e presente. Tra i suoi film più noti ricordiamo Mandala e Drunk on Women and Poetry, con cui è diventato il primo regista coreano a vincere il premio come miglior regista di Cannes. Chunhyang (2000) ha dimostrato il suo interesse per la sperimentazione di narrativa e suono.

Park Chan-wook

Originariamente uno studente di filosofia, Park Chan-wook era un critico cinematografico prima di iniziare a scrivere, dirigere e produrre film. Ha dimostrato la sua propensione a ipnotizzare la violenza nella sua trilogia di "Vengeance": Sympathy for Mr Vengeance (2002), Oldboy (2003) e Sympathy for Lady Vengeance (2005).

Hong Sang-soo

Uno dei registi più rispettati della Corea del Sud, Hong Sang-soo possiede una creatività illimitata che proietta nei suoi film d'autore. Lasciando le componenti artistiche fino a eventi casuali e spontanei, i suoi film catturano momenti toccanti e relatabili che si sono materializzati organicamente. Spesso fornisce gli attori con le sceneggiature la mattina delle riprese, assicurando così che il loro ritmo naturale sia catturato dal film. Of In Another Country, ha detto, " La scena in cui Anne perde l'ombrello è arrivata perché all'improvviso c'è stata molta pioggia durante le riprese".

Na Hong-jin

Il regista e sceneggiatore Na Hong-jin ha pubblicato il suo debutto alla regia The Chaser nel 2008 e lo ha seguito con The Yellow Sea nel 2010. The Chaser gli ha fatto vincere i premi come miglior regista e miglior film ai Grand Bell Awards della Corea del Sud. Il film è stato ispirato dal caso di Yoo Young-chui, un serial killer sud-coreano e cannibale che è stato condannato a morte nel 2005 (ma è ancora vivo). Il film è stato un enorme successo e ha superato il box office per tre settimane consecutive.


Fonte: https://lang-ita.worldtourismgroup.com/


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti