Cerca
  • Ale Torrini

Fiume "Mekong" Sud-Est Asiatico

“I fiumi lo sanno: non c'è fretta. Ci arriveremo un giorno”... Alan Alexander Milne


Il Mekong o fiume Mekong è un fiume transfrontaliero nell'Asia orientale e nel sud-est asiatico.

È il dodicesimo fiume più lungo del mondo e il terzo più lungo dell'Asia.

La sua lunghezza stimata è di 4.909 km (3.050 mi), e drena un'area di 795.000 km 2 (307.000 sq mi), scaricando 475 km 3 (114 cu mi) di acqua all'anno.

Dall'altopiano tibetano il fiume scorre attraverso Cina , Myanmar , Laos , Thailandia ,Cambogia e Vietnam . Le estreme variazioni stagionali del flusso e la presenza di rapide e cascate nel Mekong rendono difficile la navigazione . Anche così, il fiume è una delle principali rotte commerciali tra la Cina occidentale e il sud-est asiatico. Il Mekong era originariamente chiamato Mae Nam Khong da una forma contratta di Tai abbreviato in Mae Khong . In tailandese e laotiano, Mae Nam ("Madre dell'acqua [s]") è usato per i grandi fiumi e Khong è il nome proprio chiamato "Fiume Khong". Tuttavia, Khong è una parola arcaica che significa "fiume", prestata dalle lingue austroasiatiche , come il vietnamita sông (da * krong ) e Mon kruŋ "fiume", che ha portato al cinese la cui pronuncia cinese antico è stata ricostruita come/*kˤroŋ/ e che servì a lungo come nome proprio dello Yangtze prima di diventare una parola generica per i grandi fiumi. Per i primi commercianti europei, il fiume Mekong era anche conosciuto come fiume Mekon , fiume May-Kiang e fiume Cambogia . I nomi locali del fiume includono:

Da Tai:

Tailandese : แม่น้ำโขง ,[mɛ̂ː náːm kʰǒːŋ] , o semplicemente 'แม่โขง '[mɛ̂ː kʰǒːŋ].

Laos : ແມ່ນ້ຳຂອງ ,[mɛː nâːm kʰɔːŋ] , ນ້ຳຂອງ [nâːm kʰɔːŋ] .

Tai Lue : น้ำแม่ของ [nâːm mɛː kʰɔ̌ːŋ] ,น้ำของ [nâːm kʰɔ̌ːŋ] .

Khmer : មេគង្គ Mékôngk [meːkɔŋ] , ទន្លេមេគង្គ Tônlé Mékôngk [tɔnlei meikɔŋ] .

Birmano : မဲခေါင်မြစ် , IPA: [mɛ́ɡàʊɰ̃ mjɪ̰ʔ] .

Shan : ၼမ်ႉၶွင် [nâm.kʰɔ̌ŋ] o ၼမ်ႉမႄႈၶွင် [nâm.mɛ.kʰɔ̌ŋ] .

Cinese:湄公河; Méigong he .

Vietnamita : Sông Mê Kông ( IPA: [ʂə̄wŋm mē kə̄wŋm] ).

Altro:

Vietnamita : Sông Cửu Long , (九龍Nine Dragons River [ʂə̄wŋm kɨ̂w lāwŋm] ).

Khmer : ទន្លេធំ Tônlé Thum [tɔnlei tʰum] (lett. "Big River" o "Great River").

Khmuic : [ŏ̞m̥ kʰrɔːŋ̊] , ' ŏ̞m̥ ' significa 'fiume' o 'acqua', qui significa 'fiume', ' kʰrɔːŋ̊ ' significa 'canale'. Quindi ' ŏ̞m̥ kʰrɔːŋ̊ ' significa 'fiume canale'. Nell'antichità il popolo Khmuico lo chiamava ' [ŏ̞m̥ kʰrɔːŋ̊ ɲă̞k̥] ' o ' [ŏ̞m̥ kʰrɔːŋ̊ ɟru̞ːʔ] 'che significa rispettivamente 'fiume canale gigante' o 'fiume canale profondo'.

Corso

Il Mekong sorge come Za Qu ( tibetano : རྫ་ཆུ་ , Wylie : rDza chu , ZYPY : Za qu ; cinese :扎曲; pinyin : Zā Qū ) e presto diventa noto come Lancang ( cinese semplificato :澜沧江; cinese tradizionale :瀾滄江; pinyin : Láncāng Jiāng , dall'antico nome del regno laotiano Lan Xang; i personaggi possono anche essere letteralmente intesi come "fiume verde turbolento"). Ha origine nell'" area delle sorgenti dei tre fiumi " sull'altopiano tibetano nella riserva naturale nazionale di Sanjiangyuan . La riserva protegge le sorgenti dei fiumi Giallo (Huang He), Yangtze e Mekong da nord a sud . Scorre attraverso la regione autonoma tibetana e poi a sud-est nella provincia dello Yunnan , quindi nell'area dei tre fiumi paralleli nelle montagne Hengduan , insieme allo Yangtze a est e al fiume Salween(Nu Jiang in cinese) a ovest. Quindi il Mekong incontra il confine tra Cina e Myanmar e scorre per circa 10 chilometri (6,2 miglia) lungo quel confine fino a raggiungere il tripunto di Cina, Myanmar e Laos . Da lì scorre a sud-ovest e forma il confine tra Myanmar e Laos per circa 100 chilometri (62 miglia) fino ad arrivare al tripunto di Myanmar, Laos e Thailandia . Questo è anche il punto di confluenza tra il fiume Ruak (che segue il confine tra Thailandia e Myanmar) e il Mekong. L'area di questo tripunto è talvolta chiamata Triangolo d'Oro , sebbene il termine si riferisca anche all'area molto più ampia di quei tre paesi che era nota come regione produttrice di droga. Dal triangolo d'oro, il Mekong gira a sud-est per formare brevemente il confine del Laos con la Thailandia. Khon Pi Long è una serie di rapide lungo una sezione di 1,6 chilometri del fiume Mekong che divide Chiang Rai e la provincia di Bokeo in Laos. Il nome delle rapide significa 'dove il fantasma si perse'. Poi gira a est verso l'interno del Laos, scorrendo prima a est e poi a sud per circa 400 chilometri (250 miglia) prima di incontrare nuovamente il confine con la Thailandia. Ancora una volta, definisce il confine tra Laos e Thailandia per circa 850 chilometri (530 miglia) mentre scorre prima a est, passando per la capitale del Laos, Vientiane , quindi gira a sud. Una seconda volta, il fiume lascia il confine e scorre a est nel Laos, passando presto la città di Pakse .


Successivamente, gira e corre più o meno direttamente a sud, attraversando la Cambogia .

A Phnom Penh il fiume è unito sulla sponda destra dal sistema fluviale e lacustre Tonlé Sap . Quando il Mekong è basso, il Tonle Sap è un affluente : l'acqua scorre dal lago e dal fiume nel Mekong.

Quando il Mekong si allaga, il flusso si inverte: le acque del Mekong risalgono il Tonle Sap.

Immediatamente dopo che il fiume Sap si unisce al Mekong da Phnom Penh, il fiume Bassac si dirama dalla riva destra (ovest). Il fiume Bassac è il primo e principale distributore del Mekong. Questo è l'inizio del delta del Mekong. I due fiumi, il Bassac a ovest e il Mekong a est, entrano in Vietnam poco dopo. In Vietnam, il Bassac è chiamato fiume Hậu (Sông Hậu o Hậu Giang); il ramo principale, orientale, del Mekong è chiamato fiume Tiền o Tiền Giang. In Vietnam, i distributori del ramo orientale (principale, Mekong) includono il fiume Mỹ Tho , il fiume Ba Lai , il fiume Hàm Luông e il fiume Cổ Chiên .

Bacino di drenaggio

Il bacino del Mekong può essere diviso in due parti: il "bacino del Mekong superiore" in Tibet e il "bacino del Mekong inferiore" dallo Yunnan a valle della Cina fino al Mar Cinese Meridionale . Dal punto in cui sale alla foce, la caduta più precipitosa del Mekong si verifica nel bacino superiore del Mekong, un tratto di circa 2.200 km (1.400 mi). Qui scende di 4.500 metri (14.800 piedi) prima di entrare nel bacino inferiore dove i confini di Thailandia, Laos, Cina e Myanmar si uniscono nel Triangolo d'Oro. A valle del Triangolo d'Oro, il fiume scorre per altri 2.600 km (1.600 mi) attraverso Laos, Thailandia e Cambogia prima di entrare nel Mar Cinese Meridionale attraverso un complesso sistema di delta inVietnam .

Bacino superiore

Il bacino superiore costituisce il 24% dell'area totale e contribuisce per il 15-20% all'acqua che scorre nel fiume Mekong. Il bacino qui è ripido e stretto. L'erosione del suolo è stato un grave problema e circa il 50% dei sedimenti nel fiume proviene dal bacino superiore. Nella provincia dello Yunnan in Cina, il fiume ei suoi affluenti sono confinati da gole strette e profonde. I sistemi fluviali affluenti in questa parte del bacino sono piccoli. Solo 14 hanno bacini idrografici che superano i 1.000 km 2 (390 miglia quadrate), ma la maggiore perdita di copertura forestale nell'intero sistema fluviale per chilometro quadrato si è verificata in questa regione a causa della forte domanda incontrollata di risorse naturali. Nel sud dello Yunnan, nelle prefetture di Simao e Xishuangbanna , il fiume cambia man mano che la valle si apre, la pianura alluvionale diventa più ampia e il fiume diventa più largo e più lento.

Bacino inferiore

Nel bacino inferiore si sviluppano i principali sistemi affluenti. Questi sistemi possono essere separati in due gruppi: affluenti che contribuiscono ai principali flussi della stagione delle piogge e affluenti che drenano regioni di bassorilievo con precipitazioni inferiori. Il primo gruppo sono affluenti della sponda sinistra che drenano le aree ad alta piovosità del Laos. Il secondo gruppo sono quelli sulla riva destra, principalmente i fiumi Mun e Chi, che drenano gran parte del nord-est della Thailandia. Il Laos si trova quasi interamente all'interno del bacino del Mekong inferiore. Il clima, il paesaggio e l'uso del suolo sono i principali fattori che modellano l'idrologia del fiume. Il paesaggio montuoso significa che solo il 16% del paese è coltivato in terrazzamenti di pianura o colture mobili di montagna . Con l'agricoltura in movimento di montagna (taglia e brucia), i suoli si riprendono entro 10-20 anni, ma la vegetazione no. La coltivazione mobile è comune negli altopiani del Laos settentrionale e si dice che rappresenti fino al 27% della terra totale coltivata a riso. Come altrove nel bacino, la copertura forestale è stata costantemente ridotta negli ultimi tre decenni spostando l'agricoltura e l'agricoltura permanente. Gli impatti cumulativi di queste attività sul regime fluviale non sono stati misurati. Tuttavia, gli impatti idrologici dei cambiamenti della copertura del suolo indotti dalla guerra del Vietnam sono stati quantificati in due sotto bacini del bacino del fiume Mekong inferiore. La perdita di copertura forestale nelle aree thailandesi del bacino inferiore è stata la più alta di tutti i paesi del basso Mekong negli ultimi 60 anni. Sull'altopiano di Khorat , che comprende i sistemi affluenti Mun e Chi , la copertura forestale è stata ridotta dal 42% nel 1961 al 13% nel 1993. Sebbene questa parte del nord-est della Thailandia abbia una piovosità annuale di oltre 1.000 mm, un tasso di evaporazione significa che è classificata come una regione semi-arida. Di conseguenza, sebbene i bacini Mun e Chi drendano il 15% dell'intero bacino del Mekong, contribuiscono solo per il 6% al flusso medio annuo. I terreni sabbiosi e salini sono i tipi di terreno più comuni, il che rende gran parte del terreno inadatto alla coltivazione del riso umido. Nonostante la scarsa fertilità, tuttavia, l'agricoltura è intensiva. Riso glutinoso, mais e manioca sono le colture principali. La siccità è di gran lunga il principale rischio idrologico in questa regione. Quando il Mekong entra in Cambogia, oltre il 95% dei suoi flussi si è già unito al fiume. Da qui in poi a valle il terreno è pianeggiante e il livello dell'acqua, piuttosto che i volumi di flusso, determinano il movimento dell'acqua attraverso il paesaggio. Il ciclo stagionale del cambiamento del livello dell'acqua a Phnom Penh si traduce nell'esclusiva "inversione del flusso" dell'acqua dentro e fuori dal Grande Lago attraverso il fiume Tonle Sap . Phnom Penh segna anche l'inizio del sistema delta del fiume Mekong. Qui il mainstream inizia a rompersi in un numero crescente di rami. In Cambogia, il riso umido è la coltura principale e viene coltivato nelle pianure alluvionali dei fiumi Tonle Sap, Mekong e Bassac (il distributore del delta del Mekong noto come Hậu in Vietnam). Più della metà della Cambogia rimane coperta da foreste miste di latifoglie sempreverdi e decidue, ma la copertura forestale è diminuita dal 73% nel 1973 al 63% nel 1993. Qui il paesaggio fluviale è piatto. Piccoli cambiamenti nel livello dell'acqua determinano la direzione del movimento dell'acqua, inclusa l'inversione su larga scala del flusso in entrata e in uscita dal bacino del Tonle Sap dal fiume Mekong. Il delta del Mekong in Vietnam è coltivato in modo intensivo e ha poca vegetazione naturale rimasta. La copertura forestale è inferiore al 10%. Negli altopiani centrali del Vietnam, la copertura forestale è stata ridotta da oltre il 95% negli anni '50 a circa il 50% a metà degli anni '90. L'espansione agricola e la pressione demografica sono le ragioni principali dell'uso del suolo e del cambiamento del paesaggio. Sia la siccità che le inondazioni sono rischi comuni nel Delta , che molte persone ritengono sia il più sensibile al cambiamento idrologico a monte. Tenendo conto dei regimi idrologici, della fisiografia dell'uso del suolo e degli sviluppi delle risorse esistenti, pianificati e potenziali, il Mekong è diviso in sei tratti distinti :

Raggiungi 1: Lancang Jiang o il fiume Mekong superiore in Cina . In questa parte del fiume, la principale fonte d'acqua che scorre nel fiume proviene dallo scioglimento della neve sull'altopiano tibetano . Questo volume d'acqua è talvolta chiamato "componente dello Yunnan" e svolge un ruolo importante nell'idrologia a basso flusso della corrente principale inferiore. Anche fino a Kratie, la componente dello Yunnan rappresenta quasi il 30% del flusso medio della stagione secca. Una delle principali preoccupazioni è che l'espansione in corso e pianificata di dighe e bacini idrici sulla corrente principale del Mekong nello Yunnan potrebbe avere un effetto significativo sul regime di basso flusso del sistema del bacino del Mekong inferiore.

Raggiungi 2: da Chiang Saen a Vientiane e Nong Khai . Questo tratto è quasi interamente montuoso e coperto da foreste naturali, sebbene sia stata diffusa l'agricoltura tagliata e bruciata. Sebbene questo tratto non possa essere definito "incontaminato", la risposta idrologica è forse la più naturale e indisturbata di tutto il bacino inferiore. Molti aspetti idrologici del bacino inferiore iniziano a cambiare rapidamente al confine a valle di questo tratto. Il 19 luglio 2019 questo tratto del fiume è sceso al livello più basso in un secolo. I funzionari sono particolarmente preoccupati perché luglio è nella stagione delle piogge, quando i flussi principali sono storicamente abbondanti. La gente del posto incolpa l'acqua bassa sulla diga di Xayaburi di nuova costruzione , poiché entra nella sua fase di test prima dell'inizio delle operazioni commerciali nell'ottobre 2019.

Raggiungi 3: Vientiane e Nong Khai a Pakse . Il confine tra Reach 2 e 3 è dove l'idrologia del Mekong inizia a cambiare. Reach 2 è dominato sia nella stagione umida che in quella secca dalla componente dello Yunnan . Reach 3 è sempre più influenzato dai contributi dei grandi affluenti della riva sinistra del Laos, vale a dire i fiumi Nam Ngum , Nam Theun , Nam Hinboun, Se Bang Fai , Se Bang Hieng e Se Done. Il sistema fluviale Mun - Chi dalla riva destra in Thailandia entra nella corrente principale all'interno di questo tratto.

Raggiungi 4: da Pakse a Kratie . I principali contributi idrologici al flusso principale in questo tratto provengono dai bacini idrografici di Se Kong , Se San e Sre Pok. Insieme, questi fiumi costituiscono la più grande sotto componente idrologica del bacino inferiore. Oltre il 25% del volume medio annuo del flusso verso la corrente principale a Kratie proviene da questi tre bacini fluviali. Sono l'elemento chiave nell'idrologia di questa parte del sistema, in particolare per l' inversione di flusso Tonle Sap .

Raggiungi 5: Kratie a Phnom Penh . Questo tratto comprende le complessità idrauliche della pianura alluvionale cambogiana, il Tonle Sap e il Grande Lago. A questo punto, oltre il 95% del flusso totale è entrato nel sistema del Mekong. L'attenzione si sposta dall'idrologia e dallo scarico dell'acqua alla valutazione del livello dell'acqua, allo stoccaggio in eccesso e alle inondazioni e all'idrodinamica che determina i tempi, la durata e il volume dell'inversione stagionale del flusso in entrata e in uscita dal Grande Lago.

Raggiungi 6: Phnom Penh nel Mar Cinese Meridionale . Qui la corrente principale si divide in un sistema complesso e sempre più controllato e artificiale di rami e canali. Le caratteristiche chiave del comportamento del flusso sono le influenze delle maree e l'intrusione di acqua salata. Ogni anno, il 35-50% di questa portata viene allagato durante la stagione delle piogge. L'impatto degli argini stradali e di sviluppi infrastrutturali simili sul movimento di queste acque alluvionali è una conseguenza sempre più importante dello sviluppo.

La tabella 2 riassume i flussi medi annui lungo il mainstream. Il flusso medio annuo che entra nel basso Mekong dalla Cina è equivalente a una profondità di deflusso relativamente modesta di 450 mm. A valle di Vientiane questo aumenta a oltre 600 mm quando i principali affluenti della riva sinistra entrano nel flusso principale, principalmente il Nam Ngum e il Nam Theun. Il livello del flusso scende di nuovo, anche con l'ingresso in sponda destra del sistema Mun-Chi dalla Thailandia. Sebbene il bacino di Mun-Chi drena il 20% del sistema inferiore, il deflusso medio annuo è di soli 250 mm. Il deflusso nel mainstream torna ad aumentare con l'ingresso dalla riva sinistra del Se Kong dal sud del Laos e Se San e Sre Pok dal Vietnam e dalla Cambogia. I flussi a Chiang Saen che entrano nel bacino inferiore dallo Yunnan costituiscono circa il 15% del flusso della stagione delle piogge a Kratie . Questo sale al 40% durante la stagione secca, anche così a valle. Durante la stagione delle piogge, la proporzione del flusso medio proveniente dallo Yunnan diminuisce rapidamente a valle di Chiang Saen, dal 70% a meno del 20% a Kratie. Il contributo della stagione secca dello Yunnan è molto più significativo. La maggior parte del bilancio proviene dal Laos, il che indica una distinzione importante nell'idrologia a bassa portata del fiume. Una frazione proviene dallo scioglimento della neve in Cina e Tibete il resto dal bacino idrografico fuori stagione nel bacino inferiore. Ciò ha implicazioni per il verificarsi di condizioni di siccità. Ad esempio, se il deflusso dovuto allo scioglimento della neve in un dato anno è molto basso, i flussi a monte di Vientiane - Nong Khai sarebbero inferiori.

In un grande sistema fluviale come il Mekong, i flussi stagionali possono essere abbastanza variabili di anno in anno. Sebbene l'andamento dell'idrogramma annuale sia abbastanza prevedibile, la sua magnitudine non lo è. I flussi medi mensili lungo il mainstream sono riportati nella tabella 3, fornendo un'indicazione della loro ampiezza e variabilità di anno in anno. A Pakse , ad esempio, i flussi stagionali delle inondazioni nel mese di agosto supererebbero i 20.000 metri cubi al secondo nove anni su dieci, ma supererebbero i 34.000 m 3 /s solo un anno su dieci.

Ci sono poche prove dagli ultimi 45 anni di dati di eventuali cambiamenti sistematici nel regime idrologico del Mekong.

Geologia

I modelli di drenaggio interno del Mekong sono insoliti rispetto a quelli di altri grandi fiumi. La maggior parte dei grandi sistemi fluviali che drenano l'interno dei continenti, come l' Amazzonia , il Congo e il Mississippi , hanno reti di affluenti dendritici relativamente semplici che ricordano un albero ramificato. Tipicamente, tali modelli si sviluppano in bacini con pendii dolci dove la struttura geologica sottostante è abbastanza omogenea e stabile, esercitando poco o nessun controllo sulla morfologia del fiume . In netto contrasto, le reti affluenti del Salween , dello Yangtze e in particolare del Mekong, sono complesse con diversi sottobacini che spesso esibiscono modelli di drenaggio diversi e distinti. Questi complessi sistemi di drenaggio si sono sviluppati in un contesto in cui la struttura geologica sottostante è eterogenea e attiva, ed è il principale fattore di controllo del corso dei fiumi e dei paesaggi che si ritagliano. L'elevazione dell'altopiano tibetano durante il periodo terziario fu un fattore importante nella genesi del monsone di sud-ovest , che è il controllo climatico dominante che influenza l'idrologia del bacino del Mekong. Comprendere la natura e i tempi dell'elevazione del Tibet (e degli altopiani centrali del Vietnam) aiuta quindi a spiegare la provenienza dei sedimenti che raggiungono oggi il delta e il Grande Lago Tonle Sap . Gli studi sulla provenienza dei sedimenti nel delta del Mekong rivelano un importante cambiamento nella fonte dei sedimenti circa otto milioni di anni fa (Ma) . Da 36 a 8 Ma la maggior parte (76%) dei sedimenti depositati nel delta proveniva dall'erosione del substrato roccioso nell'Area dei Tre Fiumi . Da 8 Ma ad oggi, invece, il contributo dell'Area dei Tre Fiumi è sceso al 40%, mentre quello degli Altipiani Centrali è passato dall'11 al 51%. Una delle conclusioni più sorprendenti degli studi sulla provenienza è il piccolo contributo di sedimenti provenienti dalle altre parti del bacino del Mekong, in particolare l'altopiano di Khorat, gli altopiani del Laos settentrionale e della Thailandia settentrionale e le catene montuose a sud dell'area dei Tre Fiumi.


L'ultimo periodo glaciale terminò bruscamente circa 19.000 anni fa (19 ka ) quando il livello del mare salì rapidamente, raggiungendo un massimo di circa 4,5 m sopra i livelli attuali nel primo Olocene di circa 8 ka.

A quel tempo la costa del Mar Cinese Meridionale raggiungeva quasi Phnom Penh e le carote recuperate vicino ad Angkor Borei contenevano sedimenti depositati sotto l'influenza delle maree e depositi di paludi salmastre e paludi di mangrovie. I sedimenti depositati nel Tonle Sap Great Lake in questo periodo (7,9–7,3 ka) mostrano anche indicazioni di influenza marina, suggerendo un collegamento con il Mar Cinese Meridionale. Sebbene le relazioni idrauliche tra il Mekong e il Tonle Sapsistema del Grande Lago durante il Olocene non sono ben compresi, è chiaro che tra 9.000 e 7.500 anni fa la confluenza del Tonle Sap e del Mekong era in prossimità del Mar Cinese Meridionale. L'attuale morfologia del fiume del delta del Mekong si è sviluppata negli ultimi 6.000 anni. Durante questo periodo, il delta è avanzato di 200 km sulla piattaforma continentale del Mar Cinese Meridionale, coprendo un'area di oltre 62.500 km 2 . Da 5,3 a 3,5 ka il delta avanzò attraverso un ampio argine formato tra un'altura vicino al confine cambogiano e le alture a nord di Ho Chi Minh City . Durante questa fase del suo sviluppo il delta è stato riparato dall'azione ondosa delle correnti long-shore ed è stato costruito in gran parte attraverso processi fluviali e di marea. In questo momento il delta avanzava a una velocità di 17-18 m all'anno. Dopo 3,5 ka, tuttavia, il delta si era formato oltre l'argine ed era diventato soggetto all'azione delle onde e alle correnti marine. Queste deposizioni deviate verso sud-est in direzione della Penisola di Cà Mau , che è una delle caratteristiche più recenti del delta. Per gran parte della sua lunghezza il Mekong scorre attraverso canali rocciosi, cioè canali che sono confinati o vincolati dal substrato roccioso o da vecchie alluvioni nel letto e nelle sponde del fiume. Le caratteristiche geomorfologiche normalmente associate ai tratti alluvionali dei fiumi maturi, come i meandri , le lanche , i cut-off e le estese pianure alluvionali sono limitate a un breve tratto della corrente principale intorno a Vientiane ea valle di Kratie , dove il fiume sviluppa canali alluvionali che sono liberi dal controllo esercitato dal substrato roccioso sottostante. Il bacino del Mekong non è normalmente considerato un'area sismicamente attiva poiché gran parte del bacino è coperto dal blocco continentale relativamente stabile. Tuttavia, le parti del bacino nel nord del Laos , nel nord della Thailandia , nel Myanmar e in Cina sono soggette a frequenti terremoti e scosse. La magnitudo di questi terremoti raramente supera 6,5 ​​della scala di magnitudo Richter ed è improbabile che causino danni materiali.

Storia

La difficoltà di navigazione del fiume ha fatto sì che esso abbia diviso, anziché unificato, le persone che lo abitano. I primi insediamenti conosciuti risalgono al 210 a.C., con Ban Chiang che è un eccellente esempio della cultura della prima età del ferro. La prima civiltà documentata fu la cultura khmer indianizzata del I secolo di Funan , nel delta del Mekong. Gli scavi a Oc Eo , vicino all'odierna An Giang , hanno trovato monete provenienti dall'impero romano . A ciò successe lo stato di Chenla della cultura Khmer intorno al V secolo. L' impero Khmer di Angkorè stato l'ultimo grande stato indianizzato nella regione. All'incirca dal periodo della caduta dell'impero Khmer, il Mekong era la prima linea tra gli stati emergenti del Siam e del Tonchino (Vietnam del Nord), con Laos e Cambogia, allora sulla costa, combattuti tra la loro influenza. Il primo europeo a incontrare il Mekong fu il portoghese António de Faria nel 1540. Una mappa europea del 1563 raffigura il fiume, anche se a quel punto si sapeva poco del fiume a monte del delta. L'interesse europeo fu sporadico: spagnoli e portoghesi organizzarono alcune spedizioni missionarie e commerciali, mentre l'olandese Gerrit van Wuysthoff guidò una spedizione lungo il fiume fino a Vientiane nel 1641–42.

I francesi invasero la regione a metà del XIX secolo, catturando Saigon nel 1861 e stabilendo un protettorato sulla Cambogia nel 1863.

La prima esplorazione sistematica europea iniziò con la spedizione francese sul Mekong guidata da Ernest Doudard de Lagrée e Francis Garnier , che risalì il fiume dalla foce allo Yunnan tra il 1866 e il 1868. La loro scoperta principale fu che il Mekong aveva troppe cascate e rapide per sempre essere utile per la navigazione . La sorgente del fiume fu trovata da Pyotr Kuzmich Kozlov nel 1900. Dal 1893, i francesi estesero il loro controllo sul fiume in Laos, stabilendo l'Indocina francese entro il primo decennio del 20° secolo. Ciò durò fino a quando la prima e la seconda guerra in Indocina espulsero i francesi dalla sua ex colonia e sconfissero i governi sostenuti dagli Stati Uniti. Durante le guerre in Indocina negli anni '70, una notevole quantità di esplosivo (a volte intere chiatte cariche di ordigni militari ) affondò nella sezione cambogiana del Mekong (così come negli altri corsi d'acqua del paese). Oltre ad essere un pericolo per i pescatori, gli ordigni inesplosi creano problemi anche alla costruzione di ponti e sistemi di irrigazione. A partire dal 2013, i volontari cambogiani vengono formati, con il supporto dell'Ufficio per la rimozione e l'abbattimento delle armi all'interno dell'Ufficio per gli affari politico-militari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti , per condurre la rimozione di esplosivi sott'acqua. Nel 1995, Laos, Thailandia, Cambogia e Vietnam hanno istituito la Mekong River Commission (MRC) per gestire e coordinare l'uso e la cura del Mekong. Nel 1996 Cina e Myanmar sono diventati "partner di dialogo" dell'MRC ei sei paesi ora lavorano insieme in un quadro di cooperazione. Nel 2000 i governi di Cina, Laos, Thailandia e Myanmar hanno firmato un accordo sulla navigazione commerciale sul fiume Lancang-Mekong tra i governi della Repubblica popolare cinese, della Repubblica democratica popolare del Laos, dell'Unione del Myanmar e del Regno di Thailandia che è il meccanismo di cooperazione per quanto riguarda il commercio fluviale nei tratti superiori del Mekong.

Storia naturale

Il bacino del Mekong è una delle aree più ricche di biodiversità al mondo. Solo l' Amazzonia vanta un livello più elevato di biodiversità. Le stime del biota per la Greater Mekong Subregion (GMS) includono 20.000 specie di piante, 430 mammiferi, 1.200 uccelli, 800 rettili e anfibi, e circa 850 specie di pesci d'acqua dolce (escluse le specie eurialine che si trovano principalmente in acqua salata o salmastra , nonché specie introdotte ). Gli ordini più ricchi di specie tra i pesci d'acqua dolce nel bacino del fiume sono i cipriniformi (377 specie) e il pesce gatto (92 specie). Nuove specie sono regolarmente descritte dal Mekong. Nel 2009, nella regione sono state descritte 145 specie precedentemente sconosciute alla scienza, tra cui 29 specie di pesci, due specie di uccelli, 10 rettili, cinque mammiferi, 96 piante e sei anfibi. Tra il 1997 e il 2015, nella regione sono state scoperte in media due nuove specie a settimana. La regione del Mekong contiene 16 ecoregioni WWF Global 200 , la più grande concentrazione di ecoregioni nell'Asia continentale. Nessun altro fiume ospita così tante specie di pesci molto grandi. I più grandi includono tre specie di barbe Probarbus , che possono crescere fino a 1,5 m (5 piedi) e pesare 70 kg (150 libbre), la pastinaca d'acqua dolce gigante ( Himantura polylepis , syn. H. chaophraya ), che può raggiungere almeno 5 m (16 piedi) di lunghezza e 1,9 m (6 piedi 3 pollici) di larghezza, il pangasio gigante ( Pangasius sanitwongsei ), il barbo gigante ( Catlocarpio siamensis ) e il pesce gatto gigante endemico del Mekong ( Pangasianodon giga). Gli ultimi tre possono crescere fino a circa 3 m (10 piedi) di lunghezza e pesare 300 kg (660 libbre). Tutti questi sono diminuiti drasticamente a causa delle dighe, del controllo delle inondazioni e della pesca eccessiva. Una specie di delfino d'acqua dolce , il delfino Irrawaddy ( Orcaella brevirostris ), era un tempo comune in tutto il basso Mekong, ma ora è molto raro, con solo 85 individui rimasti. Tra gli altri mammiferi delle zone umide che hanno vissuto dentro e intorno al fiume ci sono la lontra dal pelo liscio ( Lutra perspicillata ) e il gatto pescatore ( Prionailurus viverrinus ). Il coccodrillo siamese in via di estinzione ( Crocodylus siamensis ) si trova in piccole sacche isolate all'interno della parte settentrionale cambogiana e laotiana del fiume Mekong. Il coccodrillo d'acqua salata ( Crocodylus porosus ) un tempo si estendeva dal delta del Mekong fino al fiume Tonle Sap e oltre, ma ora è estinto nel fiume, oltre ad essere estinto in tutto il Vietnam e forse anche in Cambogia.

Aree protette

Le sorgenti del Mekong nella contea di Zadoi , Qinghai, Cina, sono protette nella riserva naturale nazionale di Sanjiangyuan . Il nome Sanjiangyuan significa "le sorgenti dei Tre Fiumi". La riserva comprende anche le sorgenti del Fiume Giallo e dello Yangtze .

La sezione del fiume che scorre attraverso profonde gole nella provincia dello Yunnan fa parte delle aree protette dei tre fiumi paralleli dello Yunnan , patrimonio mondiale dell'UNESCO .

La Riserva della Biosfera di Tonle Sap in Cambogia contiene il lago più grande del sud-est asiatico. È una riserva della biosfera dell'UNESCO

Fenomeni naturali

Il livello della bassa marea del fiume in Cambogia è inferiore al livello dell'alta marea in mare aperto e il flusso del Mekong si inverte con le maree in tutto il suo tratto in Vietnam e fino a Phnom Penh. L'area pianeggiante del delta del Mekong in Vietnam è quindi soggetta a inondazioni, soprattutto nelle province di An Giang e Dong Thap (Đồng Tháp), vicino al confine cambogiano.

Pesca

La biodiversità acquatica nel sistema del fiume Mekong è la seconda più alta al mondo dopo l' Amazzonia . Il Mekong vanta la biodiversità per ettaro più concentrata di qualsiasi fiume. Il più grande pesce d'acqua dolce registrato, una pastinaca d'acqua dolce gigante di 300 kg nel 2022 e in precedenza un pesce gatto gigante del Mekong di 293 kg nel 2005, sono stati entrambi catturati nel fiume Mekong. Le specie di pesci di valore commerciale nel Mekong sono generalmente divise tra "pesci neri", che abitano acque poco ossigenate, a movimento lento e poco profonde, e "pesci bianchi", che abitano acque ben ossigenate, in rapido movimento e più profonde. Le persone che vivono all'interno del sistema del fiume Mekong generano molte altre fonti di cibo e reddito da quelli che vengono spesso definiti "altri animali acquatici" (OAA) come granchi d'acqua dolce, gamberetti, serpenti, tartarughe e rane. Gli OAA rappresentano circa il 20% del totale delle catture del Mekong. Quando si discute della pesca, le catture sono in genere suddivise tra la pesca di cattura selvatica (ossia pesci e altri animali acquatici catturati nel loro habitat naturale) e l'acquacoltura (pesci allevati in condizioni controllate). La pesca di cattura selvaggia svolge il ruolo più importante nel sostenere i mezzi di sussistenza. La pesca di cattura selvaggia è in gran parte una pesca ad accesso aperto, a cui le popolazioni rurali povere possono accedere per cibo e reddito. In generale, ci sono tre tipi di habitat ittici nel Mekong: i) il fiume, inclusi tutti i principali affluenti, i fiumi nella zona di grande inondazione e il Tonle Sap, che complessivamente producono circa il 30% degli sbarchi di catture selvatiche; ii) zone umide pluviali al di fuori della zona della pianura alluvionale fluviale, comprese principalmente risaie in aree precedentemente boscose e solitamente allagate fino a circa 50 cm, producendo circa il 66% degli sbarchi di catture selvatiche; e iii) grandi corpi idrici al di fuori della zona alluvionale, inclusi canali e bacini idrici che producono circa il 4% degli sbarchi di catture selvatiche. Il bacino del Mekong ospita una delle zone di pesca interne più grandi e produttive del mondo. Si stima che vengano sbarcati due milioni di tonnellate di pesci all'anno, oltre a quasi 500.000 tonnellate di altri animali acquatici. L'acquacoltura produce circa due milioni di tonnellate di pesce all'anno. Quindi, il bacino del Mekong inferiore produce circa 4,5 milioni di tonnellate di pesce e prodotti acquatici all'anno. Il valore economico totale della pesca è compreso tra 3,9 e 7 miliardi di dollari all'anno. La sola pesca di cattura selvaggia è stata valutata a 2 miliardi di dollari l'anno. Questo valore aumenta considerevolmente quando si include l'effetto moltiplicatore, ma le stime variano ampiamente. Si stima che ogni anno nel basso Mekong vengano consumati circa 2,56 milioni di tonnellate di pesci nell'entroterra e altri animali acquatici. Le risorse acquatiche costituiscono tra il 47 e l'80% delle proteine ​​animali nelle diete rurali per le persone che vivono nel bacino del Mekong inferiore. I pesci sono la fonte più economica di proteine ​​animali nella regione ed è probabile che qualsiasi calo della pesca abbia un impatto significativo sulla nutrizione, soprattutto tra i poveri.Il pesce è l'alimento base della dieta in Laos e Cambogia, con circa l'80% dell'apporto proteico annuale della popolazione cambogiana proveniente dal pesce catturato nel sistema del fiume Mekong, senza alcuna fonte alternativa per sostituirlo. Un rapporto dell'MRC afferma che i progetti di dighe sul fiume Mekong ridurranno la vita acquatica del 40% entro il 2020 e prevede che l'80% dei pesci sarà esaurito entro il 2040. La Thailandia sarà colpita, poiché i suoi stock ittici nel Mekong diminuiranno del 55 %, il Laos sarà ridotto del 50%, la Cambogia del 35% e il Vietnam del 30%. Si stima che 40 milioni di persone rurali, più di due terzi della popolazione rurale nel bacino del Mekong inferiore, siano impegnate nella pesca selvaggia. La pesca contribuisce in modo significativo a una strategia di sostentamento diversificata per molte persone, in particolare i poveri, che dipendono fortemente dal fiume e dalle sue risorse per il loro sostentamento. Forniscono una principale forma di reddito per numerose persone e fungono da rete di sicurezza e da strategia per far fronte ai periodi di scarso raccolto agricolo o di altre difficoltà. Nel solo Laos, il 71% delle famiglie rurali (2,9 milioni di persone) fa affidamento sulla pesca per il sostentamento o per un reddito aggiuntivo in contanti. Intorno al lago Tonle Sapin Cambogia, più di 1,2 milioni di persone vivono in comuni di pescatori e dipendono quasi interamente dalla pesca per il loro sostentamento.

Dighe

Il Mekong è già pesantemente arginato, con molte altre dighe pianificate e in costruzione, principalmente per la generazione di energia idroelettrica . La Cina ha costruito dieci o undici dighe a cascata sulla corrente principale del Mekong tra il 1995 e la metà del 2019, lasciando Vietnam, Laos, Cambogia e Thailandia senza la stessa quantità d'acqua di prima degli investimenti. Cina, Laos e Cambogia stanno progettando e/o costruendo di più. Il Mekong è il grande bacino fluviale in più rapida crescita al mondo in termini di costruzione di energia idroelettrica. Il governo laotiano mira a far uscire la nazione dalla povertà facendone "la batteria dell'Asia". I critici temono che la capacità della Cina di controllare il flusso del Mekong le dia una leva sulle nazioni a valle che fanno affidamento sulla buona volontà della Cina. Nel peggiore dei casi, la Cina potrebbe fare richieste ai paesi assetati a valle che non sarebbero in grado di rifiutare. "La Cina potrebbe, insomma, usare le sue dighe per 'armare l'acqua'". La diga di Jinghong , a gennaio 2020 la diga cinese più vicina a monte del confine thailandese, ha causato enormi fluttuazioni nei livelli dei fiumi, influendo sui mezzi di sussistenza delle persone a valle interrompendo il ciclo naturale del fiume. Ha un impatto sull'ecosistema , disturbando i modelli migratori dei pesci, nonché le piante lungo le sponde dei fiumi e l' agricoltura locale a valle.

Navigazione

Per migliaia di anni il fiume Mekong è stato un importante condotto per persone e merci tra le numerose città sulle sue sponde. Le forme tradizionali di commercio in piccole imbarcazioni che collegano le comunità continuano ancora oggi, tuttavia il fiume sta diventando anche un importante collegamento nelle rotte commerciali internazionali, collegando i sei paesi del Mekong tra loro e anche con il resto del mondo. Il Mekong è ancora un fiume selvaggio e le condizioni di navigazione variano notevolmente lungo la sua lunghezza. In generale, la navigazione del fiume è divisa tra il Mekong superiore e quello inferiore, con la parte "superiore" del fiume definita come il tratto a nord delle cascate di Khone nel Laos meridionale e la parte "inferiore" come il tratto al di sotto di queste cascate. Sezioni d'acqua più strette e turbolente nelle parti a monte del fiume Mekong, insieme a grandi variazioni annuali del livello dell'acqua, continuano a rappresentare una sfida per la navigazione. Le variazioni stagionali del livello dell'acqua influiscono direttamente sul commercio in questa sezione del fiume. I volumi degli scambi spediti diminuiscono di oltre il 50%, principalmente a causa delle ridotte bozze disponibili durante la bassa stagione delle acque (giugno-gennaio). Nonostante queste difficoltà, il fiume Mekong è già un anello importante nella catena di transito tra Kunming e Bangkok con circa 300.000 tonnellate di merci spedite attraverso questa rotta ogni anno. Si prevede che il volume di questo commercio aumenterà dell'8-11% all'anno. L'infrastruttura portuale viene ampliata per accogliere la prevista crescita del traffico, con nuove strutture previste per il porto di Chiang Saen . In Laos vengono utilizzate navi da 50 e 100 DWT per il commercio regionale. I carichi trasportati sono legname, prodotti agricoli e materiali da costruzione. La Thailandia importa un'ampia varietà di prodotti dalla Cina, inclusi ortaggi, frutta, prodotti agricoli e fertilizzanti. Le principali esportazioni dalla Thailandia sono longan essiccati , olio di pesce, prodotti in gomma e materiali di consumo. Quasi tutte le navi che trasportano merci da e verso il porto di Chiang Saen sono navi battenti bandiera cinese da 300 DWT. Il commercio per via navigabile nei paesi del basso Mekong del Vietnam e della Cambogia è cresciuto in modo significativo, con le tendenze del traffico di container al porto di Phnom Penh e delle merci generali attraverso il porto di Can Tho che hanno entrambi mostrato un aumento costante fino al 2009, quando una diminuzione dei volumi di carico può essere attribuita alla finanza globale crisi e un conseguente calo della domanda per l'esportazione di capi di abbigliamento negli Stati Uniti. Nel 2009, il commercio del Mekong ha ricevuto un notevole impulso con l'apertura di un nuovo porto in acque profonde a Cai Mepin Vietnam. Questo nuovo porto ha generato una rinnovata attenzione sul fiume Mekong come rotta commerciale. I terminal container Cai Mep possono ospitare navi con un pescaggio di 15,2 m, equivalente alle più grandi navi portacontainer del mondo. Queste navi madri salpano direttamente per l'Europa o gli Stati Uniti, il che significa che le merci possono essere spedite a livello internazionale da e per Phnom Penh con un solo trasbordo presso Cai Mep. In quanto fiume internazionale, esistono numerosi accordi tra i paesi che condividono il Mekong per consentire il commercio e il passaggio tra di loro. I più importanti di questi, che riguardano l'intera lunghezza del fiume, sono:

Accordo tra la Cina e la Repubblica democratica popolare del Laos sul trasporto di merci e passeggeri lungo il fiume Lancang-Mekong, adottato nel novembre 1994.

Accordo sulla cooperazione per lo sviluppo sostenibile del bacino del fiume Mekong, articolo 9, Libertà di navigazione, 5 aprile 1995, Chiang Rai.

Accordo di Hanoi tra Cambogia e Vietnam sul trasporto per vie navigabili, 13 dicembre 1998.

Accordo tra i governi di Laos, Thailandia e Vietnam per l'agevolazione del trasporto transfrontaliero di merci e persone (modificato a Yangon, Myanmar), firmato a Vientiane il 26 novembre 1999.

Accordo sulla navigazione commerciale sul fiume Lancang-Mekong tra i governi di Cina, Laos, Myanmar e Thailandia, adottato a Tachileik il 20 aprile 2000.

Phnom Penh Accordo tra Cambogia e Vietnam sul transito delle merci, 7 settembre 2000.

Nuovo accordo sul trasporto per vie navigabili tra Vietnam e Cambogia, firmato a Phnom Penh il 17 dicembre 2009.

Nel dicembre 2016, il gabinetto thailandese del primo ministro Prayut Chan-o-cha ha concordato "in linea di principio" un piano per dragare tratti del Mekong e demolire affioramenti rocciosi che ostacolano la facile navigazione. Il piano internazionale di miglioramento della navigazione del fiume Lancang-Mekong per il 2015-2025, ideato da Cina, Myanmar, Laos e Thailandia, mira a rendere il fiume più navigabile per le navi mercantili da 500 tonnellate che navigano il fiume dallo Yunnan a Luang Prabang , una distanza di 890 chilometri. La ​​Cina è stata la forza trainante del piano di demolizione in quanto mira ad espandere il commercio nell'area. Il piano si articola in due fasi. La prima fase, dal 2015 al 2020, prevede un rilievo, una progettazione e una valutazione degli impatti ambientali e sociali del progetto. Questi devono essere approvati dai quattro paesi coinvolti: Cina, Laos, Myanmar, Thailandia. La seconda fase (2020-2025) prevede miglioramenti della navigazione da Simao in Cina a 243 posti di frontiera in Cina e Myanmar, a una distanza di 259 km. I gruppi locali hanno ribattuto che gli abitanti autoctoni già gestiscono le loro barche tutto l'anno e che il piano per far esplodere le rapide non mira a migliorare la vita della popolazione locale, ma a consentire il traffico tutto l'anno di grandi imbarcazioni commerciali cinesi. Il 4 febbraio 2020, il gabinetto thailandese ha votato per fermare il progetto di far esplodere e dragare 97 km del letto del fiume dopo che Pechino non ha accumulato fondi per ulteriori indagini sull'area colpita.

Ponti

La costruzione del ponte dell'amicizia tra Myanmar e Laos è iniziata il 19 febbraio 2013. Il ponte sarà lungo 691,6 metri (2.269 piedi) e avrà un'autostrada a due corsie larga 8,5 metri (28 piedi). Il ponte dell'amicizia tra Thailandia e Laos ( thailandese : สะพานมิตรภาพ ไทย-ลาว , RTGS : Saphan Mittraphap Thai-Lao ) collega la città di Nong Khai con Vientiane in Laos. Il ponte lungo 1.170 metri (3.840 piedi) è stato inaugurato l'8 aprile 1994. Ha due corsie larghe 3,5 metri (11 piedi) con un'unica linea ferroviaria nel mezzo. Il 20 marzo 2004, i governi thailandese e laotiano hanno deciso di estendere la ferrovia a Tha Nalaeng in Laos. Da allora questa estensione è stata completata.

Il secondo ponte dell'amicizia tra Thailandia e Laos collega Mukdahan a Savannakhet . Il ponte a due corsie, largo 12 metri (39 piedi) e lungo 1.600 metri (5.200 piedi) è stato aperto al pubblico il 9 gennaio 2007.

Il terzo ponte dell'amicizia tra Thailandia e Laos è stato aperto al traffico l'11 novembre 2011, collegando la provincia di Nakhon Phanom (Thailandia) e Thakhek (Laos), come parte dell'autostrada asiatica 3 . I governi cinese e thailandese hanno deciso di costruire il ponte e di condividere il costo stimato di 33 milioni di dollari.

Il quarto ponte dell'amicizia tra Thailandia e Laos è stato aperto al traffico l'11 dicembre 2013. Collega la provincia di Chiang Rai , Thailandia, con Ban Houayxay , Laos.

C'è un ponte sul Mekong interamente all'interno del Laos. A differenza dei Ponti dell'Amicizia, non è un valico di frontiera. È a Pakse nella provincia di Champasak . È lungo 1.380 metri (4.528 piedi) ed è stato completato nel 2000. 15°6′19.95″N 105°48′49.51″E ).

Il ponte Kizuna si trova in Cambogia , nella città di Kampong Cham , sulla strada che collega Phnom Penh con le remote province di Ratanakiri e Mondolkiri , e con il Laos. Il ponte è stato aperto al traffico l'11 dicembre 2001.

Il ponte Prek Tamak , 40 km (25 miglia) a nord di Phnom Penh, è stato inaugurato nel 2010.

La stessa Phnom Penh non ha ancora un ponte in costruzione, sebbene due nuovi ponti siano stati aperti di recente sul Tonle Sap e il ponte principale sull'autostrada per Ho Chi Minh è stato duplicato nel 2010.

Un altro nuovo ponte è stato costruito a Neak Leung sulla Phnom Penh per l' autostrada 1 di Ho Chi Minh con l'assistenza del governo giapponese ed è stato inaugurato nel 2015.

In Vietnam , dal 2000 il ponte Mỹ Thuận attraversa il primo canale - il ramo principale sinistro del Mekong, il Sông Tiền o Tiền Giang - vicino a Vĩnh Long e dal 2008 il ponte Rạch Miễu lo attraversa vicino a Mỹ Tho, tra le province di Tiền Giang e Ben Tre.

Il ponte Cần Thơ attraversa il secondo canale: il principale distributore di destra del Mekong, il Bassac (Song Hau). Inaugurato nel 2010, è il ponte strallato della campata principale più lungo del sud-est asiatico.

Questioni ambientali

La siccità legata al cambiamento climatico e decine di dighe idroelettriche stanno danneggiando l'ecosistema del Mekong. Quando la siccità finisce e iniziano le inevitabili inondazioni, gli effetti delle dighe del Mekong sulla dinamica degli impulsi delle inondazioni nell'intero Basso Mekong sono poco conosciuti. Il trattamento delle acque reflue è rudimentale nelle città e nelle aree urbane per gran parte della lunghezza del Mekong, come Vientiane in Laos . Di conseguenza, l' inquinamento dell'acqua influisce sull'integrità ecologica del fiume. Gran parte degli 8,3 miliardi di tonnellate di plastica presenti sulla terra arrivano negli oceani. Il novanta per cento della plastica negli oceani viene lavata lì da soli 10 fiumi. Il Mekong è uno di questi. Un numero crescente di accademici, ONG e scienziati esorta la comunità internazionale e la Commissione del fiume Mekong a mettere fine al mito dell'energia idroelettrica sostenibile. Sollecitano una moratoria immediata sulle nuove costruzioni e il passaggio al solare e ad altre forme di energia rinnovabile, già altamente competitive e più veloci da installare.


Fonti: https://en.wikipedia.org/



3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti