top of page
Cerca
  • Ale Torrini

"Gioielli Fabergé"

Ogni gioiello è una scultura in miniatura...


Storia di Fabergé

Fabergé, il gioielliere artista più iconico al mondo, crea straordinari gioielli, orologi e oggetti d'arte, nonché commissioni su misura per una clientela internazionale esigente.

Fondato nel 1842, Fabergé è stato il nome più venerato nella gioielleria da quando Peter Carl Fabergé è diventato orafo ufficiale della corte imperiale russa; la casa ha creato gioielli e oggetti squisiti, tra cui la leggendaria serie di sontuose e ingegnose uova di Pasqua imperiali.

Peter Carl Fabergé era rinomato per il suo uso squisito e artistico del colore, sfruttando al massimo le caratteristiche uniche di ogni gemma e sviluppando una vibrante tavolozza di smalti. La sua reputazione mondiale ha attratto reali, nobiltà, magnati, industriali e l'intellighenzia artistica non solo di Parigi, Mosca e Londra, ma anche dell'America e dell'Estremo Oriente, diventando il fornitore di regali per eccellenza. Nel 1917, la rivoluzione russa pose bruscamente fine alla dinastia dei Romanov e alla casata dei Fabergé. L'azienda è stata nazionalizzata, tutta la produzione è stata chiusa e Peter Carl Fabergé e la sua famiglia sono fuggiti dalla Russia. Dopo la morte del suo fondatore in Svizzera, gli eredi Fabergé hanno perso i diritti sul nome Fabergé. La storia è tornata al punto di partenza nell'ottobre 2007 quando Fabergé, sotto una nuova proprietà e direzione, ha annunciato la riunificazione del marchio Fabergé con la famiglia Fabergé. Questo ha aperto un nuovo capitolo nell'intrigante storia di Fabergé e ha posto le basi per una totale rivitalizzazione del nome e della filosofia Fabergé, in sintonia con i suoi valori, l'estetica e lo spirito originali. Oggi, Fabergé si ispira al suo passato storico per creare pezzi eternamente originali che, se indossati, trasmettono un'individualità mozzafiato. Dipingendo con le pietre preziose colorate più belle del mondo, Fabergé esplora l'arte del colore attraverso creazioni progettate per diventare futuri cimeli. Celebrando il concetto di artista-gioielliere nell'odierno mondo del lusso, Fabergé ripercorre l'eredità dell'eccellenza nella creatività, nel design e nell'artigianato per introdurre una nuova era di beni personali e regali incantevoli e duraturi per gli intenditori contemporanei. Le collezioni attuali sono disponibili presso le boutique Fabergé a New York, Londra, così come presso Harrods a Londra e altri esclusivi rivenditori internazionali. Gli articoli selezionati sono disponibili anche tramite la boutique online di Fabergé su Faberge.com.

Le uova imperiali

La celebre serie di 50 uova di Pasqua imperiali è stata creata per la famiglia imperiale russa dal 1885 al 1916 quando l'azienda era gestita da Peter Carl Fabergé. Queste creazioni sono indissolubilmente legate alla gloria e al tragico destino dell'ultima famiglia Romanov. Sono stati l'ultimo traguardo della rinomata casa di gioielleria russa e devono essere considerati anche le ultime grandi commissioni di oggetti d'arte. Dieci uova furono prodotte dal 1885 al 1893, durante il regno dell'imperatore Alessandro III; Altri 40 furono creati durante il regno del suo devoto figlio, Nicola II, due all'anno, uno per sua madre, la vedova, il secondo per sua moglie. La serie iniziò nel 1885 quando l'imperatore Alessandro III, attraverso l'intermediazione di suo zio, il granduca Vladimir, commissionò a Fabergé un uovo di Pasqua come regalo di Pasqua per sua moglie, l'imperatrice Maria Feodorovna. Inizialmente progettato da Fabergé per contenere un anello di diamanti, l'attuale versione finita, seguendo specifiche indicazioni dell'Imperatore, comprendeva un pendente di rubino di grande valore.

Il mondo di Fabergé

Nel 1882 Peter Carl Fabergé rilevò l'ordinaria attività di gioielleria di suo padre.

Insieme al fratello Agathon, lo trasformò rapidamente in un fenomeno internazionale.

Il successo dei due fratelli stava cambiando la natura del business.

Uscì lo stile allora alla moda in cui prevalevano i diamanti.

È arrivato l'artista-gioielliere guidato dal design con un debole per il colore attraverso entrambe le pietre e facendo rivivere l'arte perduta della smaltatura. Aggiunsero oggetti di lusso al loro repertorio, inclusi oggetti di fantasia come le uova di Pasqua imperiali, ora considerate l'apice dell'arte orafa.

Oggi questi sono custoditi in alcuni dei principali musei e collezioni private del mondo. L'artigianato di tutte le loro creazioni era di altissimo livello.

1685 - 1825

Gli antenati dell'attuale famiglia Fabergé vivevano nella regione della Piccardia, nel nord della Francia. Il nome della famiglia era allora Favri ed erano ugonotti (protestanti francesi) in un paese prevalentemente cattolico. Quando Luigi XIV revocò l'editto di Nantes nel 1685, che dava protezione agli ugonotti, fuggirono e si diressero a nord-est. Nel corso degli anni il nome della famiglia è cambiato da Favri attraverso Favry, Fabri, Fabrier a Fabergé. Nel 1800 un artigiano chiamato Pierre Favry (in seguito Faberge), si era stabilito a Pärnu nella provincia baltica di Livonia (ora Estonia).

1830 anni Gustav Fabergé (nato nel 1814) andò a San Pietroburgo, la capitale della Russia, per formarsi come orafo. Inizialmente ha lavorato sotto Andreas Spiegel, uno specialista di scatole d'oro, ma in seguito è entrato a far parte della celebre azienda di Keibel, orafi e gioiellieri degli imperatori di Russia.

Le fondamenta gettate

1842 Completato il suo apprendistato, Gustav Fabergé cambiò il suo nome in Fabergé. O ha considerato che l'accento ha dato lo stile al suo nome, o l'ha aggiunto poiché "ge" in russo si pronuncia "jay". Ha aperto una gioielleria in un seminterrato della strada alla moda della città, Bolshaya Morskaya e ha sposato Charlotte Jungste.

1846 È nato il primo figlio della coppia, Peter Carl Fabergé. Ha studiato a San Pietroburgo.

GLI ANNI FORMATIVI

1860 - 1862 Gustav Fabergé si ritirò a Dresda con la sua famiglia, lasciando l'attività nelle mani dei dirigenti. Peter Carl Fabergé seguì un corso presso la Dresden Arts and Crafts School e fu un assiduo frequentatore del Grünes Gewölbe (Green Vault), il museo fondato da Augusto il Forte nel 1723. Contiene la più grande collezione di tesori d'Europa. Agathon, secondogenito dei Fabergé, nacque a Dresda nel 1862. 1864 Peter Carl Fabergé ha intrapreso un Grand Tour of Europe. Ha ricevuto lezioni da rispettati orafi in Germania, Francia e Inghilterra e ha frequentato un corso allo Schloss's Commercial College di Parigi. Ha anche visionato i capolavori nelle gallerie dei principali musei d'Europa.

1866

Tornò a San Pietroburgo e sposò Augusta Jacobs. Il fidato maestro di lavoro di suo padre Hiskias Pendin ha agito come mentore e tutore di Peter Carl. Si occupa di catalogazione, riparazione e restauro dei capolavori dell'Hermitage (il museo fondato da Caterina la Grande come museo di corte). Questo gli ha permesso di studiare le tecniche dimenticate padroneggiate dagli orafi nell'antichità. Successivamente ha restaurato e riparato gli oggetti d'arte del XVIII secolo della Collezione, comprese le squisite tabacchiere francesi in oro e smalto. Durante questo periodo sono stati senza dubbio seminati nella sua mente i semi per utilizzare il genere passato come ispirazione per oggetti contemporanei.

Peter Carl Fabergé prende la carica

1882 Alla morte di Pendin, Peter Carl Fabergé si è assunto la responsabilità esclusiva della gestione dell'azienda. Dopo aver visto il lavoro della Maison all'Esposizione panrussa di Mosca, lo zar Alessandro III ordinò che fosse esposto all'Ermitage come esempio di superba maestria russa contemporanea.

1885 - 1886 L'imperatore ha incaricato la compagnia di realizzare un uovo di Pasqua per la sua imperatrice. A Fabergé viene conferito l'ambito titolo di "orafo su incarico speciale della Corona Imperiale". L'imperatore incaricò Fabergé di realizzare un secondo uovo di Pasqua l'anno successivo.

La nascita della casa Fabergé

1887 Secondo la tradizione della famiglia Fabergé, all'azienda è stata data completa libertà per le future uova di Pasqua imperiali. Nemmeno l'Imperatore sapeva quale forma avrebbero assunto: l'unica clausola era che ognuna contenesse una sorpresa. Viene aperta la filiale moscovita della Maison Fabergé. 1888 La House of Fabergé ha esposto fuori concorso (non in competizione) alla Nordic Exhibition di Copenaghen poiché Eugène, il figlio maggiore di Peter Carl, era un giudice. L'azienda ha ricevuto un diploma speciale. 1890 - 1897 La sede di San Pietroburgo è raddoppiata. Peter Carl ha ricevuto il titolo di Perito del Gabinetto Imperiale, quindi questo ha riconosciuto formalmente l'esperienza dell'azienda. Purtroppo, Agathon, il fratello minore di Peter Carl, morì nel 1895. L'anno successivo, la Casa di Fabergé ricevette l'Emblema di Stato all'Esposizione panrussa di Nizhny Novogorod. Nel 1896 la House of Fabergé espose fuori concorso alla Nordic Exhibition di Stoccolma. Alla Casa è stato concesso un mandato reale dalla Corte di Svezia e Norvegia.

Conclusioni internazionali

1900 All'Exposition Internationale Universelle (Esposizione mondiale) di Parigi, sebbene la Maison abbia esposto fuori concorso, è stata premiata con una medaglia d'oro ei gioiellieri della città hanno riconosciuto Peter Carl Fabergé come maître. Inoltre, è stato decorato con il più prestigioso dei premi francesi: è stato nominato Cavaliere della Legion d'Onore. Anche due dei figli di Carl e il suo Capo Operaio sono stati onorati. Commercialmente l'Esposizione è stata un grande successo e l'azienda ha acquisito moltissime commesse e clienti in tutto il mondo. L'azienda si è trasferita in una sede appositamente costruita al 24 di Bolshaya Morskaya contenente officine, uno studio di design, uffici, l'appartamento di Peter Carl e, naturalmente, uno show room. L'azienda era all'apice del suo successo e impiegava circa 500 artigiani e designer. Era la più grande azienda di gioielli in Russia

1902 Una mostra di oggetti Fabergé e antichi oggetti di virtù appartenenti alla Famiglia Imperiale ha ricevuto la sua prima esposizione pubblica in Russia presso la residenza del barone von Dervis a San Pietroburgo. 1903 - 1906 La House of Fabergé si espanse con l'apertura di una filiale a Londra nel 1903 e una filiale a Kiev nel 1906. Nicholas, il più giovane dei quattro figli di Peter Carl (che lavoravano tutti per la House), divenne uno dei direttori della filiale londinese.

Guerra e rivoluzione

1914 Lo scoppio della Grande Guerra. C'è stato un calo iniziale della domanda di beni di lusso e una mancanza di metalli preziosi. Fabergé produceva articoli in rame come ampolline, piatti, boccali e tabacchiere. I laboratori producevano anche siringhe e attrezzature e parti per i militari, comprese le granate. 1915 Poiché il capitale russo impegnato in operazioni estere doveva essere rimpatriato in Russia per finanziare lo sforzo bellico, il negozio di Bond Street chiuse. Tuttavia, il commercio è continuato. 1916 La Maison Fabergé diventa una società per azioni con un capitale di 3 milioni di rubli. 1917 Le restanti azioni della filiale londinese furono vendute a Lacloche Frères, il gioielliere parigino. Gli avvocati furono incaricati di liquidare l'attività londinese. Dopo la rivoluzione russa, la Casa fu rilevata da un "Comitato dei dipendenti della società K. Fabergé". 1918 La casa di Fabergé è stata nazionalizzata. All'inizio di ottobre il suo stock è stato confiscato.

I Fabergé fuggono

1918 - 1920 A novembre, Peter Carl Fabergé ha lasciato San Pietroburgo con l'ultimo treno diplomatico per Riga, da dove è fuggito in Germania. A dicembre, Eugène insieme a sua madre, ha viaggiato nell'oscurità in slitta ea piedi fino in Finlandia. I bolscevichi imprigionarono Agatone e Alessandro, i due figli di mezzo dei Fabergé. Nel giugno 1920, Eugène si recò in Germania per portare suo padre in Svizzera, dove si erano rifugiati altri membri della famiglia. Peter Carl Fabergé è morto a Pully (vicino a Losanna) in settembre.

1924 Eugène, insieme a suo fratello Alexander (che era riuscito a fuggire dall'URSS quando un amico aveva corrotto le guardie) si stabilì a Parigi. Fondano Fabergé & Cie, che commercia e restaura oggetti realizzati dalla House of Fabergé, oltre a gioielli e oggetti d'arte in generale. I pezzi che hanno realizzato erano chiaramente contrassegnati Fabergé, Parigi in modo da evitare qualsiasi confusione con gli articoli realizzati dalla Maison in Russia.

La famiglia perde il suo nome

1937

Sam Rubin, un americano di origine russa, ha avviato un'attività di profumeria. Su suggerimento del suo amico dottor Armand Hammer, che per volere di Lenin divenne il primo concessionario straniero dei sovietici, marchiò i suoi profumi Fabergé e fondò la Fabergé Inc. Ciò avvenne senza il permesso della famiglia.

1951

Dopo aver scoperto le attività di Rubin, la famiglia Fabergé ha deciso di risolvere in via stragiudiziale per evitare spese legali elevate. Rubin ha pagato solo US $ 25.000 per usare il proprio nome esclusivamente per il profumo.

1964 - 1989 Samuel Rubin ha venduto Fabergé Inc alla società di cosmetici Rayette di George Barrie per 26 milioni di dollari. La società combinata si chiamava Rayette-Fabergé Inc. Nel 1971 il nome della società tornò a Fabergé Inc. nel 1984 Fabergé Inc fu venduta per 180 milioni di dollari, tre anni dopo Fabergé Inc acquisì Elizabeth Arden per 700 milioni di dollari. Nel 1989 Unilever ha acquistato Fabergé Inc (inclusa Elizabeth Arden) per 1,55 miliardi di dollari. Notando che Sam Rubin aveva registrato il nome per i gioielli nel 1946, ha registrato il nome Fabergé come marchio su un'ampia gamma di merci a livello internazionale e ha concesso licenze a terzi per produrre un'ampia gamma di prodotti con il nome Fabergé. Inoltre ha cambiato il nome di una filiale da Lever Brothers Limited a Lever Fabergé Limited, il che significa che il nome associato a Imperial Eggs è apparso su una gamma di prodotti per la pulizia domestica da utilizzare in gabinetti, scarichi bloccati, pulizia di cucine e bagni e lavatrici.

1990 Nel 1990 la Victor Mayer GmbH inizia il rapporto con Fabergé, diventandone maestranze ufficiali. Victor Mayer (1857 – 1946), fondatore dell'azienda, ha incarnato talento e interessi, tramandati di generazione in generazione nei 128 anni di storia dell'azienda.

Mayer era un artista e amante dell'arte. Fin dall'inizio, la sua attenzione si è concentrata sul design di alta qualità.

Aveva gusto, entusiasmo e passione.

Per lui, l'abilità artigianale era lo standard decisivo per la qualità e aveva un'attitudine infallibile per trovare lo zeitgeist. Sotto la guida della famiglia Mohr oggi, il Dr. Marcus Mohr continua a utilizzare le antiche tecniche tradizionali nella creazione di gioielli, incisione, goffratura, smaltatura e creazione di oggetti d'arte. Il Dr. Marcus Mohr ha avuto una lunga collaborazione con il marchio Fabergé e in precedenza produceva gioielli su licenza sia di Unilver che di Fabergé, tuttavia questa licenza è terminata nel 2008. L'azienda crea ancora oggi pezzi per Fabergé come maestri d'opera piuttosto che come licenziatari. Siamo lieti che questa collaborazione continui ancora oggi.

Il rilancio

2007 Fabergé Limited annuncia di aver acquisito i marchi Fabergé, le licenze e i diritti associati relativi al nome Fabergé da Unilever. Il nome Fabergé è riunito con la famiglia Fabergé. Il Fabergé Heritage Council viene istituito per guidare l'azienda nella sua ricerca del patrimonio originale di eccellenza di Fabergé nella creatività, nel design e nell'artigianato. 2009 Alle 9:00 del 9 settembre 2009 (09.09.09), Fabergé viene rilanciato con l'introduzione della collezione di alta gioielleria 'Les Fabuleuses'. Al 31 dicembre 2012 tutte le licenze concesse a terzi sono scadute o cessate e il nome non compare più sui prodotti per la pulizia.

2011 Mario Testino gira la sua prima campagna per Fabergé con protagonista il modello russo-lituano Bee Gee come l'incarnazione del moderno Fabergé - fondendo culture russe e occidentali, passato e presente. Questa è la prima campagna pubblicitaria di Fabergé, che cattura il glamour e la narrazione del marchio. Viene lanciato nei numeri di dicembre delle principali testate patinate di Regno Unito, Francia, Germania, Svizzera e Stati Uniti. 2012 Rendendo omaggio alle leggendarie uova imperiali, Fabergé lancia la Big Egg Hunt inaugurale, che stabilisce due Guinness World Records e raccoglie oltre $ 1,5 milioni per le associazioni di beneficenza Action for Children e Elephant Family. 200 uova giganti realizzate in modo unico e decorate da artisti del calibro di Chapman Brothers, Vivienne Westwood, Giles Deacon, Zandra Rhodes, Diane von Furstenberg, Sophie Dahl e Polly Morgan sono nascoste in tutta Londra durante la Quaresima affinché il pubblico possa cacciarne il maggior numero possibile. Fabergé apre la sua prima boutique a New York in Madison Avenue.

Gemfields', fornitore leader mondiale di gemme colorate di provenienza responsabile, acquisisce Fabergé 2013 Gemfields', un fornitore leader mondiale di pietre preziose colorate di provenienza responsabile, acquisisce Fabergé con l'obiettivo di creare un "campione di pietre preziose colorate riconosciuto a livello mondiale", basandosi sullo status di Fabergé come "marchio globale con un patrimonio eccezionale". Gemfields è specializzata nell'estrazione e nella commercializzazione di smeraldi e rubini provenienti da alcune delle migliori fonti al mondo. Sono orgogliosi della loro posizione di leadership e lavorano continuamente per migliorare la consapevolezza e la fornitura di sostenibilità all'interno del settore fino al consumatore finale. L'obiettivo di Gemfields è operare in modo da contribuire positivamente alle economie nazionali, assumere un ruolo di primo piano nella modernizzazione del settore delle pietre preziose colorate e costruire mezzi di sussistenza duraturi e sostenibili per le comunità che circondano le loro miniere. Fabergé presenta la collezione Colors of Love, rinnovando l'amore di Fabergé per le pietre preziose colorate, l'ingegnosità artistica e l'artigianato. La collezione celebra eventi speciali e momenti memorabili con anelli di fidanzamento, anniversari e celebrativi incastonati con pietre preziose. Per la prima volta in oltre un secolo, Fabergé torna in Ucraina, aprendo una boutique indipendente nel quartiere dello shopping di lusso nel cuore di Kiev.

2014 Fabergé celebra la Pasqua da Harrods con un salone e uno spazio espositivo allestiti nel negozio di lusso e le famose vetrine di Brompton Road vestite con bandiere Fabergé. La mostra include un originale Fabergé Egg - The Apple Blossom Egg progettato nel 1901, insieme ad altri tesori che non sono mai stati esposti al di fuori di un museo. Il salone ospita pezzi unici da collezione disegnati per Fabergé dall'artista gioielliere parigino Frédéric Zaavy e venduti in omaggio a lui. Un commerciante di rottami metallici negli Stati Uniti scopre che il curioso oggetto d'oro che aveva acquistato per $ 500 con l'intenzione di fondersi per rottami è in realtà il terzo uovo di Pasqua imperiale Fabergé perduto da tempo: il regalo di Pasqua del 1887 dello zar Alessandro III a sua moglie, la zarina Maria Feodorovna. L'uovo si trova su un elaborato supporto d'oro sostenuto da piedi a zampa di leone con tre zaffiri su ghirlande dorate e un orologio Vacheron Constantin all'interno. L'uovo è stato venduto all'asta per 33 milioni di dollari e il commerciante ha scelto di rimanere anonimo. La seconda Big Egg Hunt di Fabergé vede oltre 260 grandi sculture di uova, disegnate da artisti del calibro di Jeff Koons, Tracey Emin, Ralph Lauren, Zaha Hadid, Nathan Sawaya e Peter Beard, tra gli altri, collocate in tutta New York all'inizio di aprile per sostenere Elephant Family e Studio in a School, un programma che porta le arti visive nelle scuole pubbliche di New York City. Ispirata al Diamond Trellis Egg, creato da Fabergé nel 1892, la collezione Treillage di anelli multicolori presenta diamanti, zaffiri blu, zaffiri rosa, tsavoriti, opali di fuoco, ametiste e rubini in design evocativi. L'uovo di perla Fabergé è il primo uovo realizzato a mano nella tradizione imperiale dai tempi della rivoluzione russa 2015 Viene svelata la prima raffinata collezione di orologi Fabergé: Fabergé Flirt, Compliquée Peacock, Fabergé Visionnaire e Summer in Provence. Il Compliquée Peacock vince il Grand Prix D'Horlogerie de Genève nella categoria Hi-Mechanical. Ispirandosi all'uovo di Pasqua imperiale realizzato nel 1908 per l'imperatrice Marie - un uovo di cristallo di rocca intagliato e ingioiellato che nasconde un pavone d'oro finemente smaltato - Aurélie Picard e il maestro orologiaio ginevrino Agenhor progettano un segnatempo rivoluzionario utilizzando piume di pavone per misurare i minuti che passano. La collezione Secret Garden High Jewellery viene lanciata con gioielli floreali che evocano i bouquet effusivi dell'artista russo Marc Chagall. Gli studi floreali di Peter Carl Faber in vasi di cristallo di rocca sono tra le sue creazioni più celebri. Gli artigiani di Fabergé lavorano anche direttamente dalla natura, catturando fiori che sbocciano in pietra dura scolpita, smalto e oro con smeraldi, zaffiri padparadscha e rubini lampone, circondati da spinelli rosa, tormaline di menta, tanzaniti, pietre di luna e opali. L'uovo di perla Fabergé è il primo uovo realizzato a mano nella tradizione imperiale dalla rivoluzione russa - è stato realizzato in collaborazione con l'uomo d'affari e collezionista di perle del Qatar Hussain Ibrahim Al-Fardan. L'esterno in madreperla meticolosamente lavorato del Pearl Egg è adornato con 3.305 diamanti e 139 perle bianche con un'esclusiva perla grigia naturale da 12,17 carati, proveniente dalle acque del Golfo Persico.

2016 Nell'anno in cui Fabergé apre il suo laboratorio di orologi a Ginevra, l'azienda vince il Grand Prix d'Horlogerie de Genève 2016 nella categoria Travel Time con il suo orologio Visionnaire DTZ Rose Gold, mentre l'orologio Lady Levity di Fabergé è selezionato nella categoria Ladies. Il Visionnaire DTZ utilizza un movimento creato per Fabergé da Agenhor con un modo fantasioso per visualizzare due fusi orari contemporaneamente. In vero stile Fabergé, il Visionnaire nasconde un componente segreto a forma di pavone all'interno del movimento, rendendo omaggio al pluripremiato orologio Compliquée Peacock di Fabergé. Ispirandosi a un orologio Fabergé realizzato oltre 100 anni fa e riscoperto negli archivi dell'azienda, Fabergé lancia la collezione Dalliance, alimentata da un movimento meccanico unico progettato da Fabergé e Agenhor che consente alle lancette di spostarsi lungo il bordo del quadrante, lasciando spazio sul quadrante per design su misura.

2017 Il 2017 segna sia il 100° anniversario della Rivoluzione Russa che il 175° anniversario della fondazione di Fabergé nel 1842. Con un tempismo perfetto, la rinascita di Fabergé viene ulteriormente riconosciuta quando Aurélie Picaud, direttore globale degli orologi Fabergé, vince i premi Woman of the Year e Eve's Watch per il suo successo nello sviluppo e nel lancio di collezioni di orologi in collaborazione con i principali maestri svizzeri e la vittoria di due premi Grand Prix d'Horlogerie de Genève in soli tre anni. Il Museo di Scienze Naturali di Houston, in Texas, ospita una delle più grandi collezioni private al mondo di creazioni Fabergé, quindi la città si rivela il luogo ideale per la prossima boutique internazionale di Fabergé. La collezione del museo comprende il Nobel Ice Egg, il Kelch Rocaille Egg, una tiara, cornici, scatole decorative e delicati gioielli. La boutique è decorata in oro rosa, con il marchio guilloché di Fabergé tradotto nel delicato vetro intrecciato del lampadario. Situata nel corridoio della gioielleria nell'elegante Galleria di Houston, a pochi passi da Saks Fifth Avenue, la boutique ospita creazioni uniche, gioielleria contemporanea e segnatempo innovativi. Fabergé e Rolls-Royce collaborano a una straordinaria commissione una tantum: The Spirit of Ecstasy Egg. 2018 Per la prima volta nella storia di entrambe le società, Fabergé e Rolls-Royce collaborano a una straordinaria commissione una tantum: The Spirit of Ecstasy Egg. L'uovo in stile imperiale - solo il secondo uovo di classe imperiale ad essere commissionato dal 1917 - nasconde una statua scolpita a mano della leggendaria mascotte Rolls-Royce annidata all'interno, rivelata con un semplice clic discreto. A novembre, Fabergé lancia il suo ultimo negozio in Dubai Fashion Avenue presso il Dubai Mall, circondato da haute couture e marchi di stilisti internazionali. La festa di lancio vede svelata una mostra di pezzi rari per un pubblico di clienti selezionati, media e royalty.

2019 La campagna pubblicitaria primaverile di Fabergé, scattata durante brevi pause durante le offerte dall'esperto fotografo di gemme Casey Moore all'asta di rubini di Gemfields a Singapore, presenta orologi, medaglioni e anelli Fabergé accanto alle pietre preziose non tagliate di Gemfields, mostrando la bellezza di queste pietre preziose nel loro stato naturale. I rubini della miniera di rubini di Montepuez di Gemfields in Mozambico e gli smeraldi della miniera di Kagem di Gemfields in Zambia vengono estratti responsabilmente, con i proventi delle aste che aiutano a costruire scuole, cliniche sanitarie mobili e progetti per migliorare i mezzi di sussistenza di migliaia di famiglie. L'espansione globale di Fabergé si concentra sull'Europa, con l'apertura di punti vendita a Venezia, sede dei laboratori del vetro di Murano che hanno ispirato il vetro porpora cremisi di Peter Carl Fabergé, nonché sedi prestigiose a Porto Cervo e St Tropez. Gemfields, il più grande fornitore al mondo di pietre preziose di provenienza responsabile e proprietario di Fabergé, partecipa al Luxury Investment Index di Knight Frank, esplorando il valore crescente delle pietre preziose colorate che attualmente superano il più ampio mercato della gioielleria nel 2019. L'indice conclude che le aste da record di smeraldi e zaffiri i gioielli insieme a un triplicato aumento dei prezzi dei rubini stanno alimentando le pietre preziose colorate che aumentano la popolarità tra investitori e collezionisti. Con il trasferimento nei nuovi e spaziosi uffici a London Victoria, Fabergé apre un nuovo salone su appuntamento dove i clienti possono incontrare i migliori designer dell'azienda e lavorare con loro per personalizzare i propri gioielli Fabergé su misura.


05 Dicemre 2022 Fabergé vince il premio "Collezioni dell'anno 2022: gioielleria" di gioiellieri professionisti

Siamo lieti di annunciare che abbiamo vinto il premio Professional Jeweller's Collections of the Year 2022: Fine Jewellery. Creata in collaborazione con il proprietario di Bradley's Jewelers York, Kay Bradley, la collezione Fabergé Yorkshire Rose è stata lanciata nell'aprile 2022. Il primo lancio della collezione Yorkshire Rose consisteva nello Yorkshire Rose Egg Surprise Locket in oro bianco, rosa o giallo 18 carati. Abbiamo quindi esteso la nostra collaborazione con Bradley's Jewelers York nell'ottobre di quest'anno, con l'aggiunta di un ciondolo a forma di uovo di rosa dello Yorkshire. Realizzato in oro 18 carati e caratterizzato dall'emblema della rosa dello Yorkshire, il ciondolo è decorato con smalto bianco e verde dipinto a mano e un diamante giallo centrale a taglio brillante, insieme a sei diamanti bianchi. Leggi di più:https://www.professionaljeweller.com/collections-of-the-year-2022-fine-jewellery/

Fonte: https://www.faberge.com/



4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page