top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreAle Torrini

"Giorno della memoria": iniziative a Firenze

"C'è negli uomini un impulso alla distruzione, alla strage, all'assassinio, alla furia, e fino a quando tutta l'umanità, senza eccezioni, non avrà subìto una grande metamorfosi, la guerra imperverserà: tutto ciò che è stato ricostruito o coltivato sarà distrutto e rovinato di nuovo; e si dovrà ricominciare da capo"...

Anna Frank


Giorno della memoria 2023

Il calendario delle iniziative in occasione del 27 gennaio che ricorda le vittime dell'Olocausto

Se la memoria degli eventi passati resta un valore imprescindibile per ogni Nazione e società, questo valore diventa ancora più significante quando ci si avvicina al ricordo di eventi tragici che hanno coinvolto l'intero mondo: è il caso del Giorno della Memoria che ricorda le vittime dell'Olocausto. Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche della 60ª Armata del "1º Fronte ucraino" del maresciallo Ivan Konev arrivarono per prime presso la città polacca di Oświęcim (in tedesco Auschwitz).

Lì vicino scoprirono il campo di concentramento e ne liberarono i superstiti. La scoperta e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono per la prima volta al mondo gli strumenti di tortura e annientamento utilizzati nel lager nazista. Il Giorno della Memoria viene celebrato il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell'Olocausto. È stato così designato dalla risoluzione 60/7 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005, durante la 42ª riunione plenaria. Il calendario delle iniziative istituzionali del Comune di Firenze in occasione di questo giorno così importante prevede: giovedì 26 gennaio, alle ore 10.30, presso il Complesso di San Firenze - Sala della Musica - Piazza San Firenze, celebrazioni del Giorno della Memoria, "Kechi Kinnor (prendi il violino), musica, storia e memoria di una convivenza diventata persecuzione, fra inclusione e ghetti, cittadinanza e leggi razziali". Attraverso i canti delle tradizioni ebraiche in Italia, si racconta la lunga storia di una minoranza presente nella penisola da più di duemila anni.

venerdì 27 gennaio, dalle ore 8, esposizione delle bandiere a mezz'asta sulla facciata di Palazzo Vecchio, in segno di omaggio alle vittime dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico, dei deportati militari e dei politici italiani nei campi di sterminio; alle ore 9, deposizione di una corona di alloro al binario 16 della Stazione ferroviaria Santa Maria Novella, in ricordo di quel 9 novembre 1943, quando quasi 300 ebrei furono ammassati su alcuni vagoni di un treno e trasportati ad Auschwitz, dove sarebbero arrivati alcuni giorni dopo, il 14 novembre. Le biblioteche comunali celebrano il Giorno della memoria con incontri, approfondimenti, presentazioni di libri e proposte di lettura a tema per grandi e piccoli a partire dal 24 gennaio Nei Musei sono in programma nella giornata del 27 gennaio speciali visite tematiche condotte dai mediatori MUS.E al Museo Novecento e a MAD Murate Art District. Il 27 gennaio alle ore 18 il Museo Novecento presenterà un appuntamento speciale con la cantautrice, autrice e interprete Letizia Fuochi, che sarà protagonista della performance "Neve di carta – il Canto della Memoria", accompagnata dal chitarrista Francesco Frank Cusumano. Per informazioni e prenotazioni: 055-2768224 info@musefirenze.it I Quartieri proporranno eventi e iniziative dedicate alla memoria e alla riflessione, per non dimenticare.

Le Biblioteche comunali celebrano il Giorno della memoria con incontri, presentazioni di libri e proposte di lettura a partire dal 24 gennaio

Biblioteca delle Oblate

Giovedì 26 gennaio ore 17.30 // Sala Conferenze Sibilla Aleramo

Leggere per non dimenticare XVIII edizione

Presentazione del libro di Gaetano Petraglia “La matta di piazza Giudia. Storia e memoria dell’ebrea romana Elena di Porto”(La Giuntina, 2023). Postfazione di Carlo M. Fiorentino. Presenta Daniel Vogelmann

L’autore, attraverso documenti d’archivio inediti e testimonianze orali, ricostruisce la vicenda personale e la costante presenza tra gli ebrei di Roma negli anni della persecuzione razziale di Elana Di Porto. La sorprendente sua attività al ritorno a Roma alla caduta del fascismo, la presenza in piazza Giudia alla vigilia del rastrellamento del 16 ottobre 1943 e l’esito ultimo della sua vita, disvelando dalle nebbie della memoria la figura di questa donna quasi dimenticata dai più ma ben conosciuta tra le fasce più popolari degli ebrei romani. La rassegna è a cura dell'Associazione di promozione sociale "Leggere per non dimenticare" in collaborazione con il Comune di Firenze. La partecipazione è gratuita ed è consigliata la prenotazione online oppure contattando la Biblioteca al numero 055 261 6512 o all'indirizzo bibliotecadelleoblate@comune.fi.it L'iniziativa si terrà in Sala conferenze Sibilla Aleramo e verrà trasmessa in streaming sul canale YouTube della Biblioteca delle Oblate

Venerdì 27 gennaio ore 17 // Sala Conferenze Sibilla Aleramo

Edizione speciale del Premio Ceppo per l’Infanzia e l’Adolescenza 2023 per la Giornata della memoria. Attribuzione del Premio Ceppo a Anna Sarfatti e Wlodek Goldkorn

Ceppo Ragazzi Lectures 2023

Wlodek Goldkorn “Far capire ai ragazzi le istanze della rivolta” e Anna Sarfatti “Dialogare con l’anima adulta dei bambini”. Presentazione dei libri pubblicati da Giunti Editore “Il nido del tempo” di Anna Sarfatti e la nuova edizione del “Diario” di Anne Frank a cura di Franco Paris, prefazioni di Wlodek Goldkorn e Anna Sarfatti.

Partecipano

Anna Sarfatti, scrittrice; Wlodek Goldkorn, scrittore; Franco Paris, curatore del “Diario” di Anne Frank

Saluti del presidente del Consiglio Regionale della Toscana Antonio Mazzeo

Intervengono

Beatrice Fini, Direttrice editoriale ragazzi e young adults di Giunti Editore; Cristina Manetti, Capo di Gabinetto della Regione Toscana; Filiberto Segatto giurato del Premio Ceppo; Ilaria Tagliaferri, Direttrice rivista “Liber”. Coordina Paolo Fabrizio Iacuzzi, Presidente del Premio Internazionale Ceppo.

L'iniziativa è in collaborazione con Giunti Editore. Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per informazioni telefonare al numero 055 2616512 oppure scrivere all'indirizzo bibliotecadelleoblate@comune.fi.it

Sabato 28 gennaio ore 11 // Sala Storica Dino Campana

Presentazione del libro “Il campione e la bambina“ di Paolo Mirti

Saluti Maria Federica Giuliani, Assessora cultura della memoria e della legalità del Comune di Firenze. Interviene Maurizio Bresci, Presidente Associazione Amici del Museo del ciclismo Gino Bartali. Il campione è un famoso ciclista, si chiama Gino Bartali e, nascondendo nel sellino della sua bicicletta documenti falsi, diventa il postino degli ebrei. La bambina è Lea, una tredicenne ebrea costretta a inventarsi un'altra identità per sfuggire ai campi di concentramento, mentre le leggi razziali diventano ogni giorno più minacciose. Tra il 1943 e il 1944 i loro destini si intrecciano: entrambi dovranno lottare per rimanere in sella anche quando la salita si fa più dura.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per informazioni telefonare al numero 055 2616512 oppure scrivere all'indirizzo bibliotecadelleoblate@comune.fi.it

Biblioteca Mario Luzi

Venerdì 27 gennaio ore 17

Presentazione del libro di Nicola Coccia “La strage al Masso delle Fate. Ottone Rosai, Bogardo Buricchi ed Enzo Faraoni dal 1933 alla Liberazione di Firenze” (ETS, 2021) con Marcello Lazzerini, già giornalista Rai e autore della Compagnia delle Seggiole

Una linea ferroviaria e una fabbrica di esplosivi. Vasco Pratolini attore e giornalista pagato con buoni pasto. Bruno Fanciullacci, il gappista più ricercato e l’uccisione di Giovanni Gentile. La cattura del famigerato Mario Carità e del suo degno allievo Pietro Koch che per una settimana aveva rinchiuso in un armadio Luchino Visconti. Un seminarista, compagno di studio del futuro cardinale Giovanni Benelli, e uno studente della scuola d’arte di Porta Romana, diventato pittore davanti ai quadri di Lorenzo Viani. L’ospitale casa di Ottone Rosai. Vite e fatti che si intrecciano in una Firenze affamata d’arte, poesia e libertà. Quindici anni di interviste e ricerche fino al ritrovamento di un documento inedito all’Archivio centrale dello Stato. Nicola Coccia ha cominciato a collaborare all’”Avanti” nel 1966. Ha lavorato nella redazione fiorentina del “Lavoro” di Genova, diretto da Sandro Pertini. Assunto a “La Nazione” nell’estate 1978, si è occupato dei principali fatti di cronaca che hanno segnato la storia di Firenze negli ultimi 30 anni. Con il libro “L’arse argille consolerai. Carlo Levi, dal confino alla Liberazione di Firenze” (2016) attraverso testimonianze, foto e documenti inediti ha vinto il Premio Carlo Levi. L'iniziativa è rivolta agli adulti ed è a cura della biblioteca.

La partecipazione è gratuita ed è consigliata la prenotazione, telefonando allo 055669229 o venendo in biblioteca o scrivendo a bibliotecaluzi@comune.fi.it

Biblioteca Dino Pieraccioni

Martedì 24 gennaio ore 17

Raccontare anche per loro. Memoria della Shoah “Racconta, non ci crederanno, racconta, se sopravvivi, anche per noi”. L’Associazione La Voce delle Parole dedica il reading di gennaio delle sue Scorribande letterarie al Giorno della Memoria, con una selezione di brani tratti da testi incentrati sul tema. L'iniziativa è a cura dell’Associazione “La Voce delle Parole” La partecipazione è gratuita su prenotazione. Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 055 2625723 oppure scrivere a bibliotecapieraccioni@comune.fi.it Biblioteca CaNova Isolotto Venerdì 27 gennaio ore 15.30 Incontro con l’autore Marco Magnone. Presentazione e discussione con i gruppi di lettura del suo libro "La Guerra di Celeste" (Mondadori ragazzi) Saluti istituzionali di Mirko Dormentoni, Presidente del Quartiere 4.

Autunno 1944. Tra i boschi delle Langhe, Celeste, dodici anni, e la sua sorellina Flora giocano all'Addestramento, un gioco di sopravvivenza per prepararsi all'arrivo del nemico - e il nemico, gli hanno sempre insegnato, sono i ribelli saliti in collina: i partigiani. Ma niente può prepararli a quello che trovano tornando a casa sul far della sera: la casa bruciata, e la mamma, come un angelo caduto, sdraiata nel cortile con due buchi nel petto. Inizia così la ricerca di vendetta di Celeste, deciso a rintracciare gli assassini della madre che, è certo, si trovano fra i partigiani. La guerra che lacera l'Italia diventa anche la sua. Una guerra che spazza via le certezze dell'infanzia, e apre a un nuovo sguardo sulle cose: inaspettato, doloroso e necessario, come la verità. Attività per ragazzi da 11 a 18 anni e adulti.

A cura della libreria per ragazzi Farollo e Falpalà. Ingresso libero. Per informazioni telefona allo 055710834

Biblioteca Filippo Buonarroti

Lunedì 23 gennaio ore 17.30

Presentazione del libro di Nicola Coccia “L’arse argille consolerai” (Ets, 2018)

Il libro parla di Carlo Levi medico, pittore, componente del Comitato Toscano di Liberazione, della donna che lo ha protetto, del bambino di cui è stato padre putativo, della figlia segreta, della stesura del “Cristo si è fermato a Eboli”, avvenuta, sotto l’occupazione tedesca, in un appartamento di Firenze. Ci sono testimonianze e foto mai pubblicate prima, come quella della persona che ha suggerito a Levi il titolo del suo capolavoro, o quelle dei cinquemila sfollati a Palazzo Pitti.

Sarà presente l’Autore. Presenta Marcello Mancini, già direttore de “La Nazione”. La partecipazione è gratuita, consigliata la prenotazione, fino a esaurimento posti. Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 055432506 o scrivere a bibliotecabuonarroti@comune.fi.it

Venerdì 27 gennaio ore 17

Presentazione del libro di Elisabetta Pucci “E la civetta cantò. Eccidio del Padule di Fucecchio 23 agosto 1944” (Ibiskos Ulivieri, 2020) "Questo libro racchiude in se, come uno scrigno, la terribile strage del 23 agosto 1944 avvenuta in un'area depressa e acquitrinosa della provincia di Pistoia. […] Una zona profondamente segnata da quel massacro di oltre settant'anni fa. I testimoni rimasti si contano adesso sulle dita di una mano. La protagonista della storia aveva 19 anni quando Mussolini annunciò la dichiarazione di guerra. I suoi ricordi sono lucidi e precisi e li ha raccontati con singolare schiettezza". Sarà presente l’Autrice.

Interventi di: Sabrina Moscardini, Presidentessa del Centro d’Arte Modigliani di Scandicci; Roberto Cellini, già Presidente del Centro d’Arte Modigliani di Scandicci; Cecilia Ciaschi, cantante; Carlo Ciappi, lettore. La partecipazione è gratuita, consigliata la prenotazione, fino a esaurimento posti. Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 055432506 o scrivere a bibliotecabuonarroti@comune.fi.it


Il 27 gennaio i Quartieri fiorentini ricordano il giorno della Memoria con eventi commemorativi per non dimenticare.

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell'Olocausto.

Il 27 gennaio 1945 ricorda il giorno della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz e la scoperta del dramma della Shoah e dell'Olocausto di ebrei, rom, omosessuali, disabili, comunisti, slavi e dissidenti. Pochi giorni prima dell'arrivo dell'Armata Rossa, i nazisti avevano iniziato ad abbandonare il campo: portarono via alcuni prigionieri e cercarono di cancellare le prove dello sterminio, per esempio distruggendo alcuni forni crematori. Quello che trovarono i soldati sovietici venne documentato da riprese che ancora oggi colpiscono al cuore e allo stomaco: circa 7.000 prigionieri allo stremo, malati e affamati. I Quartieri fiorentini danno il loro contributo con iniziative dedicate alla memoria e alla riflessione per non dimenticare. Le varie iniziative vanno viste quartiere per quartiere tramite i loro blog...


Il 27 gennaio in programma speciali visite tematiche condotte dai mediatori MUS.E al Museo Novecento e al MAD Murate Art District

In occasione del Giorno della Memoria, che ricorre il 27 gennaio, MUS.E propone un pomeriggio di visite tematiche al Museo Novecento e al MAD Murate Art District che si affiancano alle molte iniziative e celebrazioni della giornata, a testimonianza di un passato storico doloroso, monito per le generazioni future. Alle ore 15 e alle 16 si svolgeranno due visite guidate gratuite all’interno di MAD Murate Art District, negli ambienti dell’ex carcere, compresa la cosiddetta sezione del Carcere Duro, l’area di detenzione più severa della prigione otto-novecentesca, dove furono rinchiusi tra gli altri Carlo Ludovico Ragghianti, Carlo Levi e Gaetano Salvemini. Il luogo resta nel cuore di Firenze come documento vivo e tangibile, testimonianza di coloro che hanno vissuto in prima persona questo capitolo della storia. L’ex carcere, oggi importante centro cittadino di produzione di arte contemporanea, assume un significato particolare per il Giorno della Memoria: le Murate, infatti, nel ‘44 furono il luogo di raccolta per numerosi deportati prima della partenza verso i campi di sterminio. Alle ore 16 e alle 17 invece, presso il Museo Novecento, sarà possibile partecipare a due visite tematiche centrate sulla collezione permanente del museo. In particolare, il percorso si focalizzerà su alcuni artisti presenti in collezione - coinvolti nelle persecuzioni o attivi contro gli orrori del periodo, come Mario Mafai, Carlo Levi e Renato Guttuso - e dedicare un'attenzione speciale al collezionista Alberto Della Ragione, che ebbe un ruolo di primo piano nel proteggere e tutelare gli artisti e le loro opere in quegli anni. Visite al Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella 10, il 27 gennaio h 16.00 e 17.00 . Costi: €2,50 (residenti Città Metropolitana di Firenze) o €5 (non residenti Città Metropolitana di Firenze) oltre al biglietto di ingresso al museo. Riduzione 2×1 soci Unicoop Firenze. La partecipazione è gratuita per i possessori della Card del Fiorentino, entro le tre proposte annue incluse nella Card Visite al complesso delle Murate e al Carcere Duro, piazza delle Murate, il 27 gennaio h 15.00 e 16.00, la partecipazione è gratuita. Per informazioni e prenotazioni: 055-2768224 info@musefirenze.it



Fonte://www.comune.fi.it/dalle-redazioni/giorno-della-memoria-2023-2





5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page