Cerca
  • Ale Torrini

"Mount Machapuchare" Nepal...

Le montagne sono le grandi cattedrali della terra, con i loro portali di roccia, i mosaici di nubi, i cori dei torrenti, gli altari di neve, le volte di porpora scintillanti di stelle.

(John Ruskin)

Machapuchare , Machhapuchchhre o Machhapuchhre (dal nepaleseमाछापुच्छ्रे 'coda di pesce', Tamu : कतासुँ क्लिको a nord), è una montagna situata nel massiccio dell'Annapurna, nella provincia centrale di Gandaki , nel Nepal. La sua vetta più alta non è mai stata scalata ufficialmente a causa dell'impossibilità di ottenere un permesso dal governo del Nepal. Machapuchare si trova al termine di un lungo crinale sperone, uscendo a sud dalla spina dorsale principale del massiccio dell'Annapurna, che forma il confine orientale del Santuario dell'Annapurna . Il picco si trova a circa 25 km (16 miglia) a nord della sede provinciale di Pokhara . Il santuario è una delle mete preferite per il trekking e sede dei campi base per la parete sud dell'Annapurna e per numerose mete minori. Il trekking Mardi Himal , ad esempio, sale verso una vetta minore.

Caratteristiche notevoli

Grazie alla sua posizione meridionale nella catena montuosa e al terreno particolarmente basso che si trova a sud dell'Annapurna Himalaya, che contiene tre delle 10 vette più alte del mondo, Machapuchare gode di un enorme sollievo verticale in una breve distanza orizzontale. Questo, combinato con il suo profilo ripido e appuntito, lo rende una vetta particolarmente suggestiva, nonostante un'elevazione inferiore rispetto ad alcuni dei suoi vicini. La sua doppia sommità ricorda la coda di un pesce, da cui il nome che in nepalese significa "coda di pesce" . È anche soprannominato il " Cervino del Nepal". È un picco sacro per i Gurung e il popolo di Chomrong.

Storia dell'arrampicata

Si ritiene che Machapuchare non sia mai stato scalato fino alla sua vetta. L'unico tentativo confermato fu nel 1957 da parte di una squadra britannica guidata dal tenente colonnello Jimmy Roberts . Gli alpinisti Wilfrid Noyce e ADM Cox sono saliti entro 150 m (492 piedi) dalla vetta attraverso la cresta nord, a un'altitudine approssimativa di 22.793 piedi (6.947 m). Aderendo alla parola d'onore data all'allora re Mahendra , Noyce e la sua squadra sono scesi senza salire sulla vetta, pubblicando così l'unico record di arrampicata della montagna un anno dopo. Da allora non sono stati rilasciati permessi per scalare la montagna. Si dice che la montagna sia sacra come dimora del dio Shiva . Ci sono state segnalazioni di uno scalatore neozelandese , Bill Denz , che ha fatto un tentativo riuscito ma illegale di raggiungere la vetta all'inizio degli anni '80.


Fonti

Fanshawe, Andy; Venables, Stephen (1995). Stile alpino himalayano . Hodder e Stoughton.

Ohmori, Koichiro (1994). Oltre l'Himalaya . Cloudcap Press/The Mountaineers.

Https: www.wikipedia.org



Mt. Machhapuchhre: Dovrebbe essere aperto per l'arrampicata?

Giace lì immobile a soli 24 km a nord di Pokhara, proiettando un'ombra pittoresca sul lago Fewa, seducendo ogni turista che fissa i suoi occhi su questo maestoso himal e sollevando gli spiriti della gente del posto giorno dopo giorno con la sua inevitabile natura a coda di pesce scolpita pinnacolo (Machhapuchhre si traduce in coda di pesce, giustamente chiamato per il pinnacolo che ricorda la coda di un pesce). Una vista così magnifica che uno scatto dalla tua fotocamera semplicemente non andrà bene; soprattutto quando la neve luccica con i raggi del sole che la colpiscono perché semplicemente non può resistere. Così bello, eppure il governo del Nepal ha vietato le spedizioni in montagna su questa montagna? Abbastanza sicuro c'erano altri fattori considerati. Da quando il divieto è entrato in vigore nel 1965, questo dibattito è saltato fuori più e più volte: Machhapuchhre (6993 m) dovrebbe essere aperto per l'alpinismo? In Honeyguide, abbiamo cercato di coprire entrambi i lati di questo antico dibattito. Lasciamo ai nostri stimati lettori la decisione se questo cumulo di bellezza debba essere aperto per l'alpinismo o se l'attuale divieto continui così com'è.

Significato religioso L'importanza religiosa di Machhapuchhre è sempre stata in primo piano e ha attirato molta attenzione ogni volta che il dibattito è stato acceso in passato. Vari intellettuali hanno sempre lottato per raggiungere una conclusione adeguata che soddisfi entrambe le parti. Non siamo riusciti a trovare garanzie ma si ritiene che Machhapuchhre sia una montagna sacra, associata al dio indù Shiva. Coloro che pensano che questa montagna dovrebbe essere aperta per le spedizioni hanno fornito varie spiegazioni sul motivo per cui la coda di pesce potrebbe non essere affatto sacra! Uno di questi intellettuali che ha sostenuto l'apertura della montagna per le spedizioni è stato il dottor Harka Gurung (1939-2006), geologo, antropologo, autore, noto per i suoi lavori di conservazione. Anche lui si chiese se Machhapuchhre fosse davvero una montagna sacra o meno. La sua argomentazione è che Machhapuchhre non ha un nome locale. Se ci pensi solo a questo proposito, questo argomento non può essere completamente contestato perché se è davvero così spaventato come la gente lo considera, allora sicuramente deve avere una storia e per storia intendiamo un significato religioso e un nome locale con cui le persone usavano per identificare questo glorioso himal. Sicuramente Machhapuchhre (una parola nepalese) che si traduce in coda di pesce è stato coniato per la sua somiglianza con la coda di un pesce. Ma se questa montagna aveva davvero un significato religioso, allora doveva avere un nome locale con cui la gente del posto la identificava (la cui lingua locale non era il nepalese) molto prima che fosse coniato il nome “Machhapuchhre”. Le persone che vivono intorno a Machhapuchhre non hanno un nome specifico per questo, ma chiamano tutte le cime "kling", che significa neve nella lingua Gurung. Poiché il picco non influenza direttamente le loro vite. Sostiene anche che se il significato religioso della montagna è vero, allora perché altre montagne ugualmente religiose sono aperte per l'arrampicata come Ganesh himal, Gauri Shankar, Buddha himal ecc.? Punto da notare! Se andrai oltre i confini del Nepal, verrai a sapere che il Monte Fuji del Giappone, che ha un'importanza religiosa per il popolo giapponese, è aperto per l'arrampicata. Non solo i giapponesi, ma anche i turisti di tutte le età si godono il viaggio fino in cima (le preghiere vengono eseguite lungo il percorso). L'argomento qui è perché vietare l'arrampicata su Machhapuchhre quando ci sono esempi di altre montagne sacre aperte per l'arrampicata? Danneggerà davvero i sentimenti dei devoti religiosi e mostrerà mancanza di rispetto verso la cultura e il credo? Un'altra cosa su cui essere scettici è l'associazione del signore Shiva con questa montagna. Come e quando Shiva sia stato associato alla coda di pesce è di per sé oggetto di discussione. In un'area in cui la maggior parte della popolazione non è indù, non si può fare a meno di riflettere sul perché Shiva, un dio indù è associato a questa montagna? Una domanda in cui si sono imbattuti in passato i dibattiti.

Turismo ed economia È noto che il Nepal dipende fortemente dal turismo per la sua economia; forse non così pesantemente come sull'agricoltura, ma comunque in quantità significativa per avere un impatto. Nell'anno fiscale 2013/14 il reddito attraverso il turismo è stato di Rs. 30,43 miliardi anche se l'arrivo di turisti è diminuito dello 0,7% quell'anno, un valore enorme rispetto ad altre industrie in Nepal. La maggior parte dell'industria del turismo dipende dai soldi guadagnati dalle spedizioni in montagna. Con royalties che vanno da $ 150 a $ 50.000 per le spedizioni in Nepal, la grande dipendenza è giustificabile. Dato l'inevitabile vantaggio che l'economia del Nepal offre consentendo agli scalatori dei nostri beni preziosi, dovrebbe essere un gioco da ragazzi consentire l'arrampicata anche a Machhapuchhre. Il Nepal può trarne vantaggio solo con l'ingresso di più valuta straniera. Le entrate e le opportunità della popolazione locale aumenteranno se verrà aperta Fishtail. Questo da solo non sembra convincere alcuni dubbiosi; che dire degli effetti collaterali come inquinamento, deterioramento della bellezza ecc? Karna Shakya , un nome famoso in Nepal Turismo, ambientalista, ambientalista, imprenditore alberghiero, scrittore e filantropo ha le sue opinioni sul perché Machhapuchhre non dovrebbe essere autorizzato ad arrampicare. Dice che aprire la montagna per scopi di arrampicata in attesa di alcuni bei profitti rinunciando ad altri rischi ambientali non è la decisione più brillante che si possa prendere. Contrariamente a quanto dice il signor Shakya, il dottor Harka Gurungaveva un modo diverso di vedere le cose. Sarebbe entusiasta quando parla dei vantaggi dell'apertura della montagna sottolineando l'attenzione che riceverebbe tra gli alpinisti d'élite soprattutto perché è una vetta vergine (picco vergine: davvero? Chiudere i paragrafi potrebbe aiutare a togliere qualche curiosità al riguardo). Immagina il flusso di turisti nella zona e tutti i soldi che arrivano. Il turismo potrebbe prosperare in questa regione con l'economia circostante come gli hotel, i ristoranti possono anche avere un assaggio di alcuni vantaggi dal crescente afflusso di turisti. Poiché il Nepal è uno dei paesi più poveri del mondo e dopo tutto questo dibattito, ci obbliga a chiederci se l'identità del Nepal è a rischio aprendo Machhapuchhre all'arrampicata o è tempo che il paese metta la sua economia al primo posto?

La bellezza che è la coda di pesce Non ci sono pensieri diversi sul fatto che il Machhapuchhre sia bello o meno; solo sulla questione dell'apertura o meno ai turisti. Tutti sono d'accordo sul fatto che questa montagna sia forse la montagna più fotogenica di tutto il Nepal e persino del mondo intero. Un bellissimo monumento di cui il Nepal può essere orgoglioso. Da un lato ci sono persone che sostengono che una vetta così bella dovrebbe essere lasciata così com'è. La bellezza non dovrebbe essere temperata; che credono si deteriorerà una volta iniziata l'arrampicata. Alcune cose belle sono lì solo per essere apprezzate, non toccate. Un pensiero positivo diciamo. Karna Shakya menziona nel suo libro bestseller "Soch" che i monumenti unici dovrebbero essere mantenuti e preservati. Questa unicità darà una certa importanza a quel particolare monumento. Se presenti un turista al Monte Machhapuchhre dicendo che non è mai stato scalato, sarà un fatto che interesserà il turista e aggiungerà anche un po' di "fattore cool". Le parole si sono sparse a macchia d'olio e attraverso il miracolo del tempo avrà un'importanza notevole: una montagna che non è mai stata scalata! (Una piccola sorpresa per quanto riguarda il picco vergine attende ancora nei paragrafi conclusivi). Ma una volta scalata la vetta perde popolarità. Scava un pò più a fondo e troverai argomenti come la forma del Machhapuchhre verrà danneggiata se le spedizioni si svolgeranno lì. Non siamo sicuri di come la forma della possente montagna si deteriorerà dall'arrampicata e quindi non è un argomento abbastanza convincente, ma che sembra fluttuare ogni volta che si accende il dibattito. Ora veniamo dall'altra parte. La bellezza è una questione soggettiva. Montagne come l'Everest, l'Annapurna, il Kanchenjunga ecc. sono aperte per l'arrampicata perché non sono belle? Ovviamente no. La bellezza di una particolare montagna è uno dei motivi principali per cui i turisti vogliono scalare la montagna, insieme ad altri motivi come l'altezza, il livello di difficoltà, ecc. Ciò è in contrasto con quanto affermato da George Mallory in risposta a una domanda sul perché voleva conquistare l'Everest; ha semplicemente risposto “Perché c'è”. C'è anche Machhapuchhre, non va da nessuna parte ma sicuramente ci sono persone che vorrebbero scalare e conquistare questa montagna anche per la sua bellezza. E' il momento giusto per ricordare che una montagna altrettanto sbalorditiva dal nome di Ama Dablam (6814 m) è aperta alle spedizioni in Nepal.

Impatto/gestione ambientale Un'altra grande preoccupazione sul motivo per cui alcune persone sono scettiche sull'apertura dell'himal per scopi di arrampicata è che sono preoccupate per il degrado ambientale che è destinato a seguire dopo aver consentito le spedizioni su questa montagna. Una vera preoccupazione anche vedendo le condizioni di altre montagne aperte all'arrampicata, l'Everest in particolare. Chiedi a qualsiasi trekker o alpinista che è stato al campo base dell'Everest o addirittura ha scalato la montagna sull'inquinamento nella regione e risponderà "Un sacco di cacca!" Senza servizi igienici e gestione adeguati nel campo base puoi letteralmente vedere la merda in ogni quattro o cinque passi che fai. Una preoccupazione giustamente espressa da persone che sostengono di non aprire Machhapuchhre per l'arrampicata. Ci deve essere una gestione adeguata e le spedizioni devono essere effettuate in modo da non degradare l'ambiente,

La prospettiva del locale Da una prospettiva più ampia, i vantaggi economici del turismo in questa zona sono evidenti, ma i locali ritengono che non sarebbero in grado di sfruttare l'apertura di Fishtail perché le squadre di spedizione trasportano tutto il necessario dalla capitale, Kathmandu. Dal momento che la gente del posto (per lo più Gurung) non vede alcun vantaggio significativo per la propria gente e mescolando la loro insoddisfazione per il modo in cui la montagna è religiosamente significativa per loro, sono contrari ad aprirla per l'arrampicata. Si afferma inoltre che i diritti d'autore pagati dagli alpinisti al governo del Nepal e alla Nepal Mountaineering Association (NMA) non vanno allo sviluppo delle aree delle montagne che hanno pagato per scalare. Contando tutti i fattori necessari per una buona industria del turismo nella regione di Machhapuchhre, il dibattito tende a diventare un po' politico. Detto questo, la dott.ssa Harka Gurung sottolinea un fatto che le opinioni dei locali non sono mai state prese in considerazione quando in passato altre montagne sono state aperte per l'arrampicata. Allora perché adesso? Sostiene che il picco non è il monopolio degli individui di Pokhara Bazar con il loro ego sentimentale. Machhapuchhre deve quindi essere utilizzato a beneficio delle persone che vivono intorno ad esso.

La vetta vergine Nella teoria popolare tutti sembrano essere d'accordo sul fatto che Machhapuchhre sia una vetta vergine, una montagna che non è mai stata scalata. Ma un evento del 1957 sembra suggerire il contrario. Il colonnello JOM Roberts, un ufficiale Gurkha britannico, guidava una squadra che includeva gli alpinisti Wilfrid Noyce e ADM Cox per la spedizione di Machhapuchhre. La squadra ha dovuto ritirarsi a soli 45 metri dalla vetta. Ci sono due ragioni che sembrano fluttuare quando si spiega perché la squadra si è ritirata senza conquistare la vetta. Uno dei motivi era la forte nevicata che ha interrotto la loro salita e l'altro motivo era che avevano promesso di non mettere piede sulla vetta rispettando il significato religioso che la vetta portava. In relazione a questo evento il dott. Gurung scrive: “Sembrerebbe naturale che Roberts desideri che nessuno abbia successo su una montagna che aveva iniziato a credere fosse la sua e che non era riuscito a conquistare. Negli anni '60, il colonnello Roberts era addetto militare presso gli inglesiAmbasciata a Kathmandu e non è difficile immaginare che i suoi consigli sentimentali al ministero degli Esteri (che si occupava delle spedizioni) sulla santità di Machhapuchhre abbiano influenzato le sorti della montagna”. Non possiamo fare a meno di speculare su questa affermazione del dottor Gurung.


Questa informazione solo per conoscenza generale: è noto e accettato in alcuni circoli di arrampicata che Bill Denz, uno scalatore neozelandese, ha scalato illegalmente Machhapuchhre nei primi anni '80. Non intendiamo incoraggiare in alcun modo l'arrampicata illegale; Il Nepal ha già una buona dose di ribelli!


Fonte: https://honeyguideapps.com/



4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti