top of page
Cerca
  • Ale Torrini

17 anni di "The King And The Clown"...

Di qualunque cosa siano fatte le nostre anime, la mia e la tua sono fatte della stessa cosa... Emily Brontë


The King and the Clown ( coreano : 왕의 남자 ; Hanja : 王의 男子; RR : Wang-ui Namja , lit. The King's Man ) è unfilm drammatico storico sudcoreano del 2005, con Kam Woo-sung , Lee Joon-gi e Jung Jin-young .

È stato adattato dallo spettacolo teatrale del 2000, Yi ("You") su Yeonsangun di Joseon , un re della dinastia Joseon e un clown di corte che lo prende in giro.

È stato rilasciato il 29 dicembre 2005 e dura 119 minuti;e distribuito a livello nazionale da Cinema Service e a livello internazionale da CJ Entertainment .

Il film è indicato con vari titoli.

A volte è noto come The King's Man (la traduzione letterale inglese del titolo coreano). In cinese, il titolo è "王的男人" o "王和小丑", mentre in giapponese è noto come "王の男". È anche noto come The Royal Jester in inglese, poiché il traduttore inglese del film lo ha trovato più appropriato del titolo originale. Il film è stato scelto come candidato ufficiale della Corea del Sud per l' Oscar 2006 come miglior film in lingua straniera. Con oltre 12,3 milioni di biglietti venduti, è stato il film più visto della Corea del Sud dell'anno, nonché il decimo film di maggior incasso in Corea del Sud .

Sinossi

Ambientato alla fine del XV secolo durante il regno del re Yeonsan , due pagliacci di strada maschi e funamboli, Jangsaeng ( Kam Woo-sung ) e Gong-gil ( Lee Joon-gi ), fanno parte di una compagnia di intrattenitori. L' effeminato e bellissimo Gong-gil è specializzato in ruoli femminili; il loro manager lo prostituisce a ricchi clienti e Jangsaeng è disgustato da questa pratica. Dopo che Gong-gil ha ucciso il manager in difesa di Jangsaeng, i due fuggono a Seoul, dove hanno formato un nuovo gruppo con altri tre artisti di strada. Insieme, il gruppo esce con una scena che prende in giro alcuni membri della corte reale, tra cui il re e la sua nuova concubina Jang Nok-su. Benché guadagnino un sacco di soldi dalla performance, alla fine vengono arrestati per tradimento e fustigati severamente. Jangsaeng fa un patto con Choseon, uno dei consulenti del re, per far ridere il re della loro scena o per essere giustiziato. Eseguono la loro scenetta per il re, ma i tre interpreti minori sono troppo terrorizzati per esibirsi bene. Gong-gil e Jangsaeng si salvano a malapena con un'ultima battuta al re, che ride e poi li rende tutti parte della sua corte. Quando il re vuole vedere più spettacoli, i clown decidono di fare dei volantini chiedendo ad altri menestrelli di fare un'audizione per unirsi al gruppo. Gli altri pagliacci notano che Jangsaeng e Gong-gil hanno una calligrafia identica, poiché Jangsaeng ha imparato a scrivere guardando Gong-gil. La corruzione all'interno del tribunale viene rivelata quando i pagliacci mettono in scena uno spettacolo che ridicolizza i membri del consiglio insinuando che ricevono regali costosi in cambio di favori. Il re è deliziato dalla scenetta, ma vedendo che i membri del consiglio non sono divertiti, si rivolge a loro e chiede loro uno per uno se sono colpevoli di ciò per cui i pagliacci li stanno prendendo in giro. Bandisce un ministro corrotto e ordina che gli vengano tagliate le dita per mostrarle a tutti gli altri membri del consiglio come monito. Nel corso del tempo, il re si innamora di Gong-gil, che chiama spesso nelle sue stanze private per esibirsi in spettacoli di marionette da dito. Jangsaeng diventa geloso di questa relazione e suggerisce di andarsene, ma Gong-gil non è immediatamente d'accordo. Nel frattempo, il re diventa sempre più instabile. Fa eseguire ai clown una scena che descrive come sua madre (interpretata da Gong-gil), la concubina preferita dell'ex re, è stata costretta a prendere del veleno dopo essere stata tradita da altre concubine gelose. Il re poi massacra queste concubine alla fine della commedia e la regina madre muore per lo shock. Jangsaeng chiede quindi a Gong-gil di andarsene con lui e la banda ancora una volta prima che il re uccida anche loro durante uno dei suoi attacchi omicidi. Gong-gil, che inizialmente simpatizzava con il re, implora il tiranno di dargli la sua libertà ma il re rifiuta. La principale concubina del re, Jang Noksu, diventa sempre più infuriata per l'attenzione che il re ha profuso su Gong-gil. I membri del consiglio cercano di farlo uccidere durante una battuta di caccia, provocando la morte di uno dei membri della squadra di artisti di strada. Giorni dopo la battuta di caccia, il re bacia con la forza Gong-gil e la sua violenza contro i membri della sua stessa corte si intensifica, soprattutto alla menzione di suo padre che sente ancora governare il regno anche dopo la sua morte. Questo porta la troupe dello spettacolo a decidere finalmente di lasciare il palazzo, perché il re è diventato troppo imprevedibile, ma Gong-gil implora Jangsaeng di non lasciarlo solo perché non gli è permesso lasciare il palazzo. Quindi, Jang Noksu cerca di far imprigionare Gong-gil facendo correre volantini con la calligrafia di Gong-gil che insultano severamente il re. Choseon rilascia segretamente Jangsaeng, tuttavia, dicendogli che dovrebbe dimenticare Gong-gil e lasciare il palazzo. Ma Jangsaeng ignora il consiglio e torna a camminare sulla sua fune attraverso i tetti del palazzo, questa volta deridendo apertamente e ad alta voce il re. Il re gli scaglia delle frecce mentre Gong-gil cerca invano di fermarlo. Jangsaeng cade e viene catturato, e ha gli occhi bruciati dal ferro ardente come punizione prima di essere gettato di nuovo in prigione. Gong-gil tenta il suicidio, ma la sua vita viene salvata dai medici di palazzo: il re allora si disinteressa di lui e torna dalla consorte. Il re ordina a Jangsaeng di camminare alla cieca sul filo del rasoio. Mentre Jangsaeng racconta la storia delle prove e delle tribolazioni sue e di Gong-gil mentre si tiene in equilibrio sulla corda, Gong-gil corre fuori per unirsi a lui. Gong-gil chiede a Jangsaeng cosa vorrebbe restituire nella sua prossima vita e Jangsaeng risponde che sceglierebbe comunque di essere un clown. Gong-gil risponde che anche lui sarebbe tornato come nient'altro che un pagliaccio. Alla fine c'è una rivolta popolare che sfocia in un attacco al palazzo, e mentre la gente fa irruzione nella corte, Jangsaeng e Gong-gil saltano insieme dalla corda, e Jangsaeng getta via il suo ventaglio. L'ultima scena è felice in cui Jangsaeng e Gong-gil sembrano riunirsi con la loro compagnia di clown, incluso l'amico che è morto in precedenza durante l'incidente di caccia. Tutta la compagnia scherza, canta e balla...


Cast

  • Kam Woo-cantato vieni Jang-saeng

  • Lee Joon-gi nel ruolo di Gong-gil

  • Jung Jin-young nel ruolo di Re Yeonsan

  • Kang Sung-yeon nel ruolo di Jang Nok-su

  • Jang Hang-seon nel ruolo di Cheo-sun

  • Yoo Hae-jin nel ruolo di Yuk-gab

  • Jeong Seok-yong nel ruolo di Chil-duk

  • Lee Seung-hun nel ruolo di Pal-bok

Il film è stato adattato dall'opera teatrale coreana Yi , scritta da Kim Tae-woong, incentrata su Gong-gil, l'attrice femminile. Era basato su un piccolo passaggio degli Annali della dinastia Joseon che menziona brevemente il clown preferito del re, Gong-gil, mentre Jang-saeng è un personaggio immaginario. Nella dinastia Joseon, "Yi" era ciò che il re chiamava i suoi amati sudditi. Dalla prima messa in scena nel 2000, lo spettacolo ha vinto numerosi premi, tra cui il miglior spettacolo teatrale dell'anno, il miglior nuovo attore (per Oh Man-seok) e i primi 3 migliori spettacoli dell'anno dalla National Theatre Association of Korea, e il miglior spettacolo teatrale per il 2001 della Dong-A Art Foundation.

Colonna sonora originale

  1. "가려진" - "Veiled" di Jang Jae-hyeong (tema di Jang-seng)

  2. "프롤로그 - 먼길" - "Prologo - Lunghe strade"

  3. "각시탈" - "Gak-shi Tal (Maschera di una donna)"

  4. "돌아올 수 없는" - "Non posso tornare"

  5. "너 거기 있니? 나 여기 있어." - "Sei laggiù? Io sono qui."

  6. "세상속으로" - "Nel mondo"

  7. "위험한 제의 하나" - "Suggerimento pericoloso numero uno"

  8. "행복한 광대들" - "I pagliacci felici"

  9. "내가 왕이 맞느냐" - "Sono io il re o no"

  10. "위험한 제의 둘" - "Suggerimento pericoloso numero due"

  11. "꿈꾸는 광대들" - "I pagliacci sognanti"

  12. "수청" - "Servire la fanciulla"

  13. "인형놀이" - "Giocare con le bambole"

  14. "연정" - "Emozioni romantiche"

  15. "그림자놀이" - "Giocare con le ombre"

  16. "피적삼의 울음소리" - "Il grido degli stracci"

  17. "광대사냥" - "Caccia al pagliaccio"

  18. "광대의 죽음" - "Morte di un pagliaccio"

  19. "어서 쏴" - "Spara ora"

  20. "질투" - "Invidia"

  21. "장생의 분노" - "La furia di Jang-Seng"

  22. "내가 썼소" - "L'ho scritto io."

  23. "애원" - "Richiesta"

  24. "장생의 외침" - "L'urlo di Jang-Seng"

  25. "눈먼장생" - "Jang-Seng il cieco"

  26. "자궁속으로" - "Nel grembo materno"

  27. "반정의 북소리" - "I suoni della batteria di Ban-Jeong"

  28. "반허공" - "Mezz'aria"

  29. "에필로그 - 돌아오는 길" - "Epilogo - La strada verso casa"

  30. Versione per chitarra "반허공" - Versione per chitarra "a mezz'aria".

In Corea del Sud, il film ha venduto un totale di 12,3 milioni di biglietti, di cui 3.659.525 a Seoul, nei suoi quattro mesi di proiezione, terminati il ​​18 aprile 2006. Si è classificato al primo posto e ha incassato ₩ 6,5 miliardi nella prima settimana di uscita. e ha incassato un totale di 72,6 miliardi di ₩ dopo 12 settimane di screening. Il suo incasso mondiale è di 74,4 milioni di dollari . Per un film a basso budget che costa solo ₩ 4 miliardi, ha superato i 10 milioni di spettatori il 2 febbraio e ha ricevuto buone recensioni sia dalla critica che dal pubblico. Ciò ha portato al suo successo commerciale, che è notevole, considerando la sua attenzione alle arti tradizionali con temi omosessuali . Il successo è stato sorprendente anche data la mancanza di un budget elevato e di attori e registi di alto profilo rispetto ad altri film come Taegukgi: Brotherhood of Ware Silmido, che hanno entrambi superato i 10 milioni di spettatori. Il film ha anche notevolmente spinto l'allora sconosciuto Lee Joon-gi verso la celebrità in tutta l'Asia. Questo film è stato scelto dal comitato nominato dal Korea Film Council come candidato della Corea del Sud per l'Oscar 2006 per il miglior film in lingua straniera. È stato selezionato tra altri due film: The Hoste Time per la sua qualità estetica e commerciale complessiva. Nafees Ahmed di High On Films ha definito il film "una tragedia shakespeariana" e ha scritto: "È un dramma storico ben scritto e diretto che intreccia le sfumature emotive del re e di due pagliacci nel dramma stratificato sull'amore, la gelosia, la follia e la compassione.”

Rilascio internazionale

Taiwan: 7 maggio 2006

Singapore: 22 giugno 2006

Canada: 7 settembre 2006 (Vancouver/Toronto Film Festival)

Giappone: 21 ottobre 2006 (Tokyo Film Festival) / 9 dicembre 2006 (uscita nelle sale)

Shanghai: 28 ottobre 2006

Regno Unito: 29 ottobre 2006 (London Film Festival)

Sudafrica: 14 novembre 2006 (Cape Town Film Festival)

Nuova Zelanda: 1 dicembre 2006 (Festival del cinema)

Stati Uniti: 3 gennaio 2007 (Los Angeles)

Italia: 30 marzo 2007 (Firenze Film Festival)

Francia: 1 aprile 2007 (Deauville Film Festival) / 23 gennaio 2008 (uscita nelle sale)


Premi e nomination

Baeksang Arts Awards 2006

  • Gran Premio per il cinema

  • Miglior nuovo attore -Lee Joon-gi

  • Candidatura - Miglior film

  • Nomination - Miglior regista -Lee Joon-ik

  • Candidatura - Miglior attore -Jung Jin-young

  • Candidatura - Migliore sceneggiatura - Choi Seok-hwan

2006 Chunsa Film Art Awards

  • Miglior attore -Kam Woo-sung

  • Miglior attore non protagonista -Jang Hang-sun

Premio Gran Campana 2006

  • Film migliore

  • Miglior regista -Lee Joon-ik

  • Miglior attore -Kam Woo-sung

  • Miglior attore non protagonista -Yoo Hae-jin

  • Miglior nuovo attore -Lee Joon-gi

  • Miglior sceneggiatura: Choi Seok-hwan

  • Miglior fotografia - Ji Kil-woong

  • Nomination - Migliore attrice non protagonista -Kang Sung-yeon

  • Nomination - Miglior montaggio - Kim Jae-bum,Kim Sang-bum

  • Candidatura - Miglior illuminazione - Han Gi-eop

  • Nomination - Miglior direzione artistica - Kang Seung-yong

  • Candidatura - Migliori costumi - Shim Hyun-sub

  • Candidatura - Miglior musica -Lee Byung-woo

  • Nomination - Miglior suono - Kim Tan-young, Choi Tae-young

Premi cinematografici Blue Dragon 2006

  • Migliore musica -Lee Byung-woo

  • Candidatura - Miglior film

  • Nomination - Miglior regista -Lee Joon-ik

  • Candidatura - Miglior attore -Kam Woo-sung

  • Candidatura - Miglior attore non protagonista -Yoo Hae-jin

  • Nomination - Migliore attrice non protagonista -Kang Sung-yeon

  • Candidatura - Miglior nuovo attore -Lee Joon-gi

  • Candidatura - Miglior illuminazione - Han Gi-eop

  • Nomination - Miglior direzione artistica - Kang Seung-yong

  • Nomina - Premio Tecnico -Kim Sang-bum, Kim Jae-bum (Montaggio)

Premi cinematografici coreani 2006

  • Miglior nuovo attore -Lee Joon-gi

  • Candidatura - Miglior film

  • Nomination - Miglior regista -Lee Joon-ik

  • Nomination - Migliore attrice non protagonista -Kang Sung-yeon

  • Nomination - Miglior direzione artistica - Kang Seung-yong

Festival del cinema asiatico di Deauville 2007

  • Premio della giuria


Fonte: https://en-m-wikipedia-org.translate.goog/wiki/The_King_and_the_Clown?




THE KING AND THE CLOWN


TRAMA Corea, inizio del Sedicesimo Secolo. Jang-saeng e Gong-gil sono artisti di strada che si esibiscono in una compagnia specializzata in un repertorio scollacciato.

Nei suoi numeri Gong-gil interpreta ruoli femminili e il capo compagnia approfitta del suo fascino efebico per venderne i servigi a nobili mecenati. Stanco dell’offensiva prostituzione cui è sottoposto Gong-gil, Jang-saeng si ribella, sottraendolo alle grinfie di un vecchio satiro. Durante la fuga, per salvare Jang-saeng Gong-gil uccide il capo compagnia. I due s’instradano quindi verso la capitale, Hanyang (nome di Seoul all’epoca). Qui si uniscono al terzetto di buffoni capeggiato da Yuk-gap. Udendo le voci poco lusinghiere sulla condotta di re Yon-san, Jang-saeng concepisce uno spettacolo salace che irride la relazione del sovrano con la disinibita concubina Nok-su. La satira viene scoperto dal ministro Cheo-seon che fa arrestare i giullari. L’unica chance di salvarsi da morte sicura è riuscire a far ridere il re in persona.

Recensioni

La serata inaugurale del Korea Film Fest si è aperta col film che, prima di essere superato da The Host di Bong Joon-ho (presentato con molto successo a Cannes e a Udine), aveva battuto tutti i record d’incasso del cinema coreano: King and The Clown. Pellicola d’intrattenimento pensante, il film di di Lee Joon-ik segnala ancora una volta le enormi differenze esistenti tra i film di successo hollywoodiani e quelli coreani: pur non deragliando mai nella confusione, la vicenda raccontata dal film di Lee Joon-ik è difatti piuttosto complessa e problematica. King and The Clown mette in scena l’amore tra due acrobati giullari (Jang-saeng e Gong-gil, interpretati rispettivamente da Kam Woo-seong e Lee Jun-gi) ostacolato dai capricci erotici del re Yeonsan (Jeong Jin-Yeong). Colpisce positivamente la caratterizzazione dei personaggi (assai sfaccettata e addirittura ambivalente), la varietà dei registri drammatici (si va dai toni scanzonati e picareschi dell’inizio a quelli tragici e sanguigni del finale, passando per le controllate modulazioni sentimentali e sensuali della vita di corte) e, soprattutto, il coraggio di imbastire l’intera vicenda su tensioni omo erotiche, come testimonia il titolo originale Wang-ui Namja, “L’uomo del Re” (il re s’invaghisce di Gong-gil soffiandolo a Jang-saeng, che soffre più o meno in silenzio). Il che per un paese strenuamente omofobo come la Corea è un merito non da poco. Numerose le sequenze di forte impatto spettacolare (tutti i numeri acrobatico-ginnici sono girati con indiscutibile abilità coreografica e le performance satiriche sono messe in scena con dinoccolata efficacia), con la sequenza della rappresentazione che smaschera shakespeariana mente la congiura ai danni della madre del re su tutte per intensità drammaturgica e ripercussioni narrative. L’unico rammarico è che nella parte centrale del film il personaggio di Jang-saeng tenda a uscire di scena, lasciando la ribalta al re e a Gong-gil: avremmo desiderato vedere più a lungo sullo schermo Kam Woo-seong (già magnifico protagonista di The Spider Forest di Song Il-gon, visto nell’edizione passata del SKFF): le sue prestazioni giullaresche sono semplicemente irresistibili. Per quanto King and The Clown non appartenga a un genere di cinema per cui chi scrive possa esaltarsi, sarebbe assolutamente irragionevole non parlarne bene.


Fonte: https://www.spietati.it/the-king-and-the-clown/



8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page