top of page
Cerca
  • Ale Torrini

Biblioteca civica di Stoccarda (Germania)

“Fondare biblioteche è un po' come costruire ancora granai pubblici: ammassare riserve contro l'inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire"... Marguerite Yourcenar


La modernissima biblioteca di Stoccarda (in cui c’è una stanza vuota per riflettere)

Oltre mezzo milione di volumi a disposizione, nella biblioteca di Stoccarda.

E c’è anche spazio per la cosiddetta “Stanza della Tranquillità”, vuota, in cui riflettere ispirati dai libri – #luoghideilibrinelmondo

Stadtbibliothek Stuttgart, la biblioteca civica di Stoccarda, in Germania, è stata aperta al pubblico il 24 ottobre 2011.

Parliamo di una modernissima struttura a forma di parallelepipedo, a base quadrata (con lati di 44 metri e altezza di 40), la cui realizzazione è stata affidata all’architetto sudcoreano Eun Young Yi, e in cui i rivestimenti in vetro giocano un ruolo importante.

L’edificio, composto da nove piani in superficie e due sotterranei, non ha però convinto tutti, e non sono mancate le critiche.

Nonostante le polemiche, nel 2013 è stata nominata “Biblioteca dell’anno” (premio conferito dall’Associazione delle biblioteche tedesche e dalla fondazione Zeit-Stiftung Ebelin und Gerd Bucerius). Tra le motivazioni, anche l’attenzione per i lettori immigrati. Oltre mezzo milione di libri a disposizione, e non solo: in questa biblioteca si trova infatti la cosiddetta “Stanza della Tranquillità”, vuota, in cui riflettere ispirati dai libri.


Fonte: https://www.illibraio.it/news/biblioteche/foto-modernissima-bibliotecastoccarda-185123/


-Da Fuori sembra un edificio asettico, privo di emozioni, anche appena entrati si arriva al centro in una stanza quadrata enorme, bianca e senza nulla... Ma appena prendi l'ascensore e sali all'ultimo piano si entra in una struttura magnifica.

-Otto piani di completezza, di ordine, pulizia, silenzio e cortesia. Una grande ricchezza per questa città.

-Non è nemmeno un mese che sono tornato dal Giappone eppure ancora non mi capacito di come il mondo, anche in una città tutto sommato non famosissima come Stoccarda, sia in grado di stupirmi anche con una "normale" biblioteca. Che di normale, poi, non ha nulla, perché sembra essere uscita da uno dei cataloghi delle "città del futuro". Si trova a soli 12 minuti dalla stazione principale e anche se alcune carte e guide non la segnalano sarebbe un clamoroso errore non visitarla (l'ingresso ovviamente è gratuito). Saliti in cima non dimenticare di uscire sulla terrazza panoramica.

-Una visita a Stoccarda, anche di una sola giornata, dovrebbe comprendere la visita alla nuova biblioteca municipale. L'edificio è un parallelepipedo con un ingresso in ogni facciata. All'interno si può prendere l'ascensore per l'ultimo piano ed eventualmente scendere le scale nella grande sala cercando i punti di vista più interessanti per le foto. Esiste un ascensore che porta alla terrazza, da cui si gode della vista della città. Si può raggiungere a piedi dalla stazione in pochi minuti.

-Non viene spesso menzionata negli itinerari di Stoccarda ma questa meta ne vale la pena. Una biblioteca enorme, pulitissima, curatissima. All'interno sarai sopraffatto da un senso di pace bellissimo. Consiglio a tutti la gita.

-Edificio incredibile...Bianco, all’ingresso sembra asettico. Una guardia all’ingresso nota la fotocamera e mi attacca l’adesivo del “Visitatore’” sulla giacca... Sono 6 piani di libri in una perfetta serie di scaffali in ordine magistrale. Assolutamente da vedere!!

-Ho scoperto per caso che Stoccarda avesse questa fantastica e innovativa biblioteca! Nuova, funzionale e stupefacente. Aperta da lunedi a sabato (controllate gli orari sul sito) una breve visita è d'obbligo. Non appena entri sembra una biblioteca normale (nuova e moderna, ma "normale") ma appena prendi l'ascensore e arrivi al 4 piano resti letteralmente a bocca aperta! A vederla in foto sembra quasi "finta". Ma è davvero fantastica, luminosa, confortevole, che invoglia a star li (anche se in questa zona ci son solo divanetti, le scrivanie son nei piani bassi e "tutt'attorno"). Sbizzarritevi con le foto, sedetevi e prendetevi un libro (o portatevelo da casa visto il tedesco). All'ultimo piano c'è una caffettetteria e una terrazza (che però quando sono andato io non era accessibile) Insomma, come si suol dire merita una visita. La sera il "cubo" si colora di blu, ancora più avvenieristico! questa "Architetture" ci piace assai! Ingresso chiaramente gratuito, ed è leggermente decentrata dal centro, ma in mezz'ora a piedi ci siete (personalmente mi ha impressionato più questa che non quella "rotonda" di Stoccolma o quella di Copenaghen")

-Un luogo pensato con logica semplice ed efficace che non esiterei a collocare tra le meraviglie da vivere. All’apparenza un grande cubo di nove piani con nove porte finestre per ogni piano. Basta andare vicini e ci si accorge che le quattro facciate sono di fatto di mattoni di vetro-cemento che alla sera parlano attraverso un nobile riflesso di luci. La logica con cui l’intero edificio è organizzato è spettacolare, funzionale, molto razionale e di grande effetto estetico. Le foto danno solo una minima testimonianza dello studio attento ai particolari che rendono questo edificio un vero tempio del libro, della lettura, dell’Incontro Fortunato. In un luogo come questo caratterizzato dal silenzio e dal rispetto non si può che respirare speranza e fiducia quelli che sembrano mancare alla storia moderna ma che qui sono di casa. Ogni piano è caratterizzato da un argomento: al primo la Musik, al secondo Kinder (Children); poi Leben (Life: religione, filosofia, psicologia, sport etc.); Wissen (Knoledge); Welt (Word); Literatur; Direktion, Verwaltung (Administration); Kunst (Art). La ricerca, la consultazione, il prestito libri e la restituzione sono di una semplicità sorprendente e ti viene spiegato tutto anche dai portinai o dagli agenti della sicurezza che fanno servizio attento e discreto. L’ingresso vi conduce ad un atrio molto ampio, aperto come un grande cavedio e molto alto come i sei piani dell’edificio: in basso un piccolo quadrato che fa da specchio d’acqua al soffitto trasparente del sesto piano mentre le quattro facciate interne sono costellate da altrettanti finestre da cui si vedono affacciarsi le persone che salgono le scale e guardano dentro il cavedio, per ammirare l’effetto che fa il quadrilatero interno, lo specchio d’acqua, il soffitto e gli sguardi interessati e sorpresi della gente che vi passa. Dal senso al nono piano sembra di entrare nel modo, però vivente e reale, delle scale di Escher. Uno spettacolo di per se culturale come tutti gli spettacoli grandiosi. Se poi si vuole andare anche oltre, basta salire sulle scale che portano sulla terrazza panoramica. Un’esperienza da fare e da vivere!

-Chi ama la lettura ed i libri in genere non può perdere questo magnifico luogo dove in una struttura avveneristica sono conservati migliaia di libri in una luce di bianco e di vetro. I divanetti azzurri sono l'unico colore in questo mare nel quale e' veramente incredibile girare e perdersi.

-La mia visita più originale di Stoccarda. Si trova facilmente presso la zona Milaneo, con la metro che ti porta proprio li, proprio quasi all'entrata. La zona è moderna, immersa nel business world degli uffici e dei locali (tanti franchise, fast food). L'edifico stesso della biblioteca non è gran che da fuori, anzi noioso....Però quando si entra è tutta un'altra storia! Una delle più belle sorprese che abbiamo avuto. L'architettura interiore e' una poesia per i libri. E' una potente testimonianza per la cultura tedesca e il loro amore e rispetto per La Sapienza e l'organizzazione. La calma e' memorabile e anche se è un edificio pubblico, è stato mantenuto in condizioni pregevoli, per 5 anni! Da ammirare! Entrando, immaginavo che l'avessero appena aperto al pubblico. Portate le macchine fotografiche, i iPad- è una bella occasione per fare le foto. Andate sul tetto per un bel panorama. Vistate la parte dove si trovano i libri, e film internazionali- un intero piano! Una fermata sola con la metro vi porta al centro. Molto conveniente.

-Durante una passeggiata nel centro di Stoccarda mi sono imbattuta in quest'edificio, che già all'esterno incuriosisce. Entrando ci si ritrova in una biblioteca moderna su più piani, che offre un'ampia scelta di libri di letteratura tedesca, europea ed extraeuropea. Particolare la sala della tranquillità, per riflettere su quanto letto. Ingresso gratuito.

-In questa splendida biblioteca il colore bianco regna sovrano, bianco l´esterno, splendida la biblioteca quando è illuminata di notte . Il colpo d´occhio é splendido all´interno , sia se la si deve da sotto e ancor piú se la si vede da sopra , assolutamente da vedere . All´ultima piano vi é una grande terrazza da dove si può vedere il quartiere che sta nascendo vicino alla biblioteca . Lo stile è moderno , l´architetto é il coreano Eun Young Yi , a me é piaciuta tantissimo, merita assolutamente una visita , se arrivate all´ultimo piano , e sicuramente lo farete , consiglio di prendere qualcosa nel bar , Lesbar , gestito dalla caritas , dove si dà la possibilità di lavorare, e bene, a portatori di handicap e non , i prodotti sono buoni, almeno quello che abbiamo preso noi lo era.

-Durante la mia piccola vacanza a Stoccarda ho avuto il piacere di poter ammirare questa splendida biblioteca in perfetto stile moderno. Consiglio a tutti la vista dall'ottavo piano (dal quale si può andare anche sù in terrazza e ammirare la città). Mi ha letteralmente tolto il fiato. Un po' come Samwell Tarly de Il Trono di Spade



Fonte:https://www.tripadvisor.it/Attraction_Review-g187291-d6652123-Reviews-or10-Public_Library_Stuttgart-Stuttgart_Baden_Wurttemberg.html



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page